Cerca

Il vero spread che frega il Paese

Mattias Mainiero risponde a Attilio Lucchini

2
Il vero spread che frega il Paese

Caro Mainiero, ogni giorno leggiamo di denunce per (presunti) casi di corruzione. E’ talmente una consuetudine, che oramai è subentrata l’assuefazione. Dalla politica non possiamo aspettarci nulla, considerando che la legge bipartisan che avrebbe dovuto colpire questo fenomeno è ferma in Parlamento. Agli italiani interessa poco, visto che l'argomento del giorno è lo spread. Quindi, andiamo avanti così.
Attilio Lucchini
e.mail

Agli italiani più attenti, che presumo siano la maggioranza, interessa moltissimo. E non perché gli italiani siano amanti del torbido o delle malefatte. Perché sanno che lo spread in ultima analisi dipende anche da questo: dalle mazzette, dagli intrallazzi, dal senso di impunità. La Corte dei Conti ha fatto una stima: in Italia il costo della corruzione ammonterebbe a 60 miliardi di euro, con un aumento, nel 2010, del 30 per cento rispetto al 2009. Sessanta miliardi sono la cifra di una supermanovra economica. Secondo la Guardia di Finanza, invece, nel nostro Paese i redditi evasi si aggirano attorno ai 270 miliardi di euro, con un mancato gettito di 120 miliardi, di cui 60 di sola Iva non versata. L’economia cosiddetta sommersa genererebbe un giro di affari (ovviamente esentasse) di 350 miliardi di euro. Per fare la somma non c’è bisogno della calcolatrice: stiamo parlando di 450 miliardi di euro sottratti agli italiani onesti e sconosciuti al fisco, cioè sottratti alle traballanti casse dello Stato dalla corruzione, dall’evasione fiscale, dal lavoro sommerso e dalla criminalità più o meno organizzata. Sottratti ogni anno, mica una tantum. Un furto colossale e continuo, strutturale, e al tempo stesso un cappio al collo del Paese. E una conclusione sconfortante: se solo una parte di questi soldi raggiungesse il livello della legalità, lo spread di cui oggi tutti parlano si ridurrebbe e le manovre finanziarie ed economiche necessarie per ridare fiato all’Italia sarebbero sicuramente meno pesanti e cruente. Le pensioni non verrebbero toccate, l’Iva rimarrebbe invariata, l’Ici sulla prima casa sarebbe un lontano ricordo. Di patrimoniale neanche a parlarne. E naturalmente i risparmi, i nostri risparmi, sarebbero in una botte di ferro. Stavo per scrivere: Bot di ferro. Il vero spread, caro mio, è questo: la differenza tra un Paese onesto e un Paese che ha fatto della disonestà una delle sue bandiere. E per ridurre questo spread non basta una manovra economica. Purtroppo.
mattias.mainiero@libero-news.eu

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ADM

    04 Dicembre 2011 - 11:11

    ....sintonia con Pansa, e...mi dico: bè... se lo dice lui...sono io ...nel torto !!! Ma... a pensar male....Carissimo...quando ...si interrompe lo scritto...non è piacevole...si rimane bloccati con la conclusione !!! Grazie. A. De Matthias

    Report

    Rispondi

  • ADM

    04 Dicembre 2011 - 10:10

    Siamo sicuri che i tecnocrati cervelloni, siano solo a tempo limitato ?....in questa farsa italiana da brivido ? E' scesa in campo una" massa di interessi" mai vista, credo, altro che Berlusconi! Governo tecnico ? La grande bugia venuta dalla Bocconi! Meglio sarebbe dire...dal "freddo": c'è grande freddo attorno a questa gente che, incurante di tutto, imperturbabile, nel giro di DUE giorni, come ad una catena di montaggio, incontra una moltitudine di "persone" e si industria a varare leggi e leggine, ciò che non ha fatto nei precedenti 20 giorni...C'è quasi l'impressione o meglio l'intuizione, credo, che sotto ci sia altro...qualcuno che sta preparando...una nuova politica alquanto inquietante...le facce da funerale dei nostri "ex" politici ne sentenziano quasi ...il presagio. Altro che il "cerchio magico" alla Bossi! C'è il "cerchione magico" alla Monti! E, la grande illusione di chi ha sperato che qualcosa potesse cambiare. Siamo allo stordimento da. Per una volta, non sono in sinton

    Report

    Rispondi

media