Cerca

Crisi: referendum inutile

Mattias Mainiero risponde a Emma Cheroni Scotti

3
Crisi: referendum inutile

Monti: l'alternativa è tra sacrifici o Stato insolvente. Se queste sono le uniche soluzioni, allora non permettiamo che a scegliere sia un euroburocrate nominato senatore a vita ma diamo la parola alla gente. L’Islanda lo ha fatto e il referendum ha avuto successo, l’isola prospera e nessuno si è pentito della scelta. A questo punto l’aut aut non è più tra sacrifici e insolvenza ma tra popolo sovrano e dittatura conclamata. Qui o si fa la democrazia o si muore.
Emma Cheroni Scotti
e.mail

Ma certo: facciamo un bel referendum. Immagino il quesito: volete sacrificarvi oppure volete che lo Stato italiano non paghi più i suoi debiti? Se gli elettori dovessero votare per il sacrificio, ovviamente non cambierebbe nulla rispetto ad oggi. Se invece, come è abbastanza presumibile, dovessero scegliere per l’insolvenza o l’uscita dall’euro o cose del genere, si prepari a dire addio ai suoi risparmi. Poi, tempo qualche mesetto, si prepari (sempre facendo gli scongiuri) ad essere ricoverata non in un ospedale pubblico ma in una clinica privata. In città ci saranno pochi autobus, i treni circoleranno con il contagocce eccetera eccetera. Perché l’insolvenza, cara signora, significa fallimento. E fallimento significa perdere ogni credibilità. E perdere credibilità significa che l’Italia non potrebbe più finanziarsi sui mercati. I nostri titoli rimarrebbero invenduti, nessuno straniero aprirebbe le sue fabbriche o le sue società in Italia e il nostro Paese finirebbe ai margini del mondo civile. Purtroppo, l’Italia non è l’Islanda. Qui non si tratta di non rimborsare tre o quattro miliardi di euro al Regno Unito e all’Olanda e di nazionalizzare un paio di banche. Si tratta di far fronte ad un debito di 1.900 miliardi di euro. Un mancata pagamento, anche parziale, avrebbe effetti devastanti a livello mondiale. Meglio non pensarci. E la democrazia che lei invoca c’entra, ma non per il motivo che pensa lei. La verità è che la democrazia è una gran bella cosa, ma bisogna saperla usare. Bisogna saper scegliere, democraticamente, chi ci comanda. E se per decenni e decenni gli italiani hanno saputo esprimere una classe politica preoccupata solo della propria autoconservazione e a volte chiaramente inetta (se non peggio), la colpa non è della democrazia. E’ degli italiani, oggi chiamati a pagare il conto anche in modo abbastanza antidemocratico.
mattias.mainiero@libero-news.eu

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blu521

    06 Dicembre 2011 - 16:04

    Costituzione alla mano, un referendum simile non è proponibile

    Report

    Rispondi

  • ADM

    06 Dicembre 2011 - 12:12

    E' inutile...prevale sempre...la stupidità....sull'intelligenza e il buon senso...che possono..essere fattibili di miglioramenti. Guardiamo...anche...oltre. Grazie. A. De Matthias

    Report

    Rispondi

  • ADM

    06 Dicembre 2011 - 12:12

    Striscia di oggi. Perchè certi lettori insistono...nel non andare...oltre ?...visto il momento contingente? ...A dimostrazione che, se l'Italia è andata a rotoli, è anche a causa ...delle "teste" degli ...italiani! Come ,Lei, sostiene da sempre, e...come anch'io... penso da l..ga pezza! Le "tre paroline magiche" di Monti: equità, rigore, responsabilità (mentre scrivo, ho dei dubbi sulla terza...ma ci sta alla grande...)...dovrebbero essere impresse a fuoco sulla fronte di ciascun italiano...previo esame di coscienza! Convinta che, l'Italia, non sarebbe in questa palude. Anch'io, non vado pazza per Monti e il suo governo, ma, da profana e dopo riflessione, penso che, non si potesse fare altro!! Lo stesso Berlusconi chiede fiducia al Parlamento...Necessita porre rimedio, a mali peggiori, anche se non ci piace !!!E...sbaglia l'italiano: si lamenta, ma, "lasciami vivere in my garden" ...Magari facendo"piccoli" imbrogli"A SUA VOLTA, nel suo piccolo mondo.Non si dimentichi che ci sono

    Report

    Rispondi

media