Cerca

Un vestito nuovo per la Merkel

Mattias Mainiero risponde a Enzo Bernasconi

3
Un vestito nuovo per la Merkel

Caro Mainiero, ma chi l’ha detto che Monti è un banchiere? A me sembra più un tecnico da officina meccanica, un giorno lima di qui, l’altro smussa di là, e alla fine cosa rimarrà? Una riforma da tecnocrate o da metalmeccanico?
Enzo Bernasconi
Varese

Mai detto che Monti è un banchiere. Se mai, un professore: il dottor professor senatore presidente Mario Monti, che è anche ministro dell’economia. Comunque sia, mi permetta di risponderle con una domanda: sicuro che questa sia la manovra che il banchiere o non banchiere Monti aveva in testa, ammesso che in testa avesse una ben precisa manovra? Segua la cronologia. La Bce invia una lettera al governo Berlusconi. La lettera ha in calce anche la firma dell’italiano Mario Draghi che della Bce sta per diventare presidente. Perché? Si dice: perché la Bce doveva comprare i nostri titoli di Stato e voleva garanzie, ma non si spiega perché la Bce compra, senza lettere, anche titoli non italiani. Ipotesi: non è che il conflitto di interessi di Draghi spingesse altri a chiedere garanzie? Angela Merkel? Andiamo oltre: ricevuta la lettera, il governo mette in pratica alcuni dei suggerimenti (ma suggerimento è un eufemismo) della Bce. Altri rimangono sulla carta perché la Lega si oppone e l’opposizione fa le barricate. Poi le cose si complicano, lo spread impazzisce (e a rigor di logica e di economia si sarebbe dovuto ridurre, anche se di poco) e Berlusconi fa un passo indietro. Arriva Monti e tutti i suggerimenti della Bce diventano leggi. Nel frattempo, lo spread non mette giudizio e, soprattutto, non si riesce a capire chi stia manovrando o abbia manovrato contro i nostri titoli. Gli americani non c’entrano nulla. Ovvio: un collasso dell’Italia e dell’Europa per loro sarebbe una rovina. I giapponesi? Maremoti, centrali nucleari che saltano e debito pubblico alle stelle: hanno altro a cui pensare. Gli arabi? Moti di piazza e regimi che traballano: oggi sono fuori gioco. I cinesi? Sono ricchi, ma hanno problemi enormi: non è questo il momento di scatenare guerre finanziarie. Fra qualche anno, forse. Caro Bernasconi, ho l’impressione che prima o poi dovremo scrivere la vera storia dell’euro e dei suoi spread. Lei come la vede la Merkel nei panni di uno speculatore internazionale? In fin dei conti, l’Europa che sta nascendo dalla crisi è a sua immagine e somiglianza. Per me, decisamente brutta.
mattias.mainiero@libero-news.eu

Ah, la crescita!... Grande cosa! Il rilancio dell' occupazione!... E' dietro l' angolo! La produzione industriale crescerà... Bene! E intanto tutto rimane come prima , come sempre. Il Parlamento è in mano alle lobby che impediscono qualsiasi riforma. Crescono i licenziamenti perchè cala la domanda. Nell'Europa senza governo  ciascun Paese cerca di salvare se stesso. Lo scenario è questo e nulla lascia trapelare sintomi di ripresa. Anzi la speculazione ha ripreso a mordere piu' aggressiva e determinata di prima. Lo spred non cala... E' tramontato il sogno  della crescita continua nell'Europa del post-comunismo. Altri Paesi crescono e tra non molto ci sopravvanzeranno.
Giuseppe Zanandrea
e.mail

I politici leghisti che invitano a non pagare l'Imu sono sicuramente a caccia di quel consenso elettorale che la Lega ha perso da quando si è messa con Berlusconi. È sufficiente stare ad ascoltare Radio Padania per capire come l'alleato sia da sempre considerato scomodo. La base, quella che ha come incipit di ogni telefonata le parole Padania libera o secessione, non ha mai tollerato l'apparentamento con il popolo delle libertà così come non digeriva Forza Italia.
Ermanno Trovato
e.mail

Alcuni politici si sono resi conto che la nuova Imu proprio non ha senso, specie per quei poveri pensionati, magari vedovi e che quindi godono di una detrazione veramente minima, che già non ce la fanno ad arrivare a fine mese e saranno costretti a vendere la casa, che tradotto in termini pratici significherà svenderla ai pescecani che non aspettano altro. Faccio un appello a tutti coloro che di professione si occupano di fare questi conti e faccio presente che se hanno una coscienza sarebbe il momento di dimostrarlo. Chiedo a tutti i commercialisti e ragionieri di prendere in seria considerazione l'ipotesi dell'obiezione di coscienza, alla pari di certi medici che hanno la facoltà di dire di no a certe richieste.
Guido Lanciarelli
e.mail

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gippi04

    04 Gennaio 2012 - 16:04

    Cosa vi aspettate da una persona che e' sempre stata mantenuta dallo Stato?

    Report

    Rispondi

  • ADM

    22 Dicembre 2011 - 13:01

    ...dove sei ? Che fai ? Dove vai ?...Le parole...non bastano...vogliamo i fatti...Grazie. A: De Matthias

    Report

    Rispondi

  • ADM

    22 Dicembre 2011 - 13:01

    S.Agostino scriveva : " Signore dammi la forza di accettare le cose che non posso cambiare. " Comincio... a vacillare... anch'io...che all'inizio, avevo creduto in questo Governo tecnico...ma, ora, si scorgono i primi frutti velenosi. Questa sera, l'operetta, prima parte, sarà compiuta. Come, ahimè, l'apparenza inganna! Il prof Monti, uomo di gran classe, che inganna con guanti di velluto! Questo governo di comunisti, perchè tali sono, peggio degli altri...Bei colpi, gli ultimi della nuova banda Bassotti! Ben 12.500 insegnanti, da piazzare...ANCORA nella scuola, previo concorso, le cui modalità, sembrano nebulose...che dire poi dei 400 forestali, al sud, ovvio, che già ne ha in abbondanza...che non servono nemmeno per evitare gli incendi, ma solo per scopare il mare. E...l'ultima, dei tanti siciliani, che stanno andando in pensione, last minute,alla faccia del governo delle beffe.E' mancata... l'illuminazione, ai geni ? Crisi perfetta, tempesta perfetta, follia perfetta ! Berlusconi...

    Report

    Rispondi

media