Cerca

2011: un anno e un numero da dimenticare

Mattias Mainiero risponde a Annamaria De Matthias

2
2011: un anno e un numero da dimenticare

Caro dottor Mainiero, sa cosa significa la “solitudine dei numeri primi”, che non è solo un libro, ma molto altro? Gradirei una sua gentile risposta, che non è mai scontata. Per tutti i lettori, come augurio di sereno 2012. E’ anche una provocazione. Attendo un suo gentile riscontro… non facile. Grazie.
Annamaria De Matthias
e.mail

E che cos’è, gentile signora? Una sfida? Vuole sapere se ho letto il libro? Se l’ho capito? Se sono un numero primo, isolato e un po’ eccezionale, sospettoso e solitario, silenzioso e cadenzato, come scriverebbe Paolo Giordano, oppure se faccio parte del gruppone dei numeri normali, comuni, tranquilli e rilassanti? E perché poi dovrei accettare questa sua provocazione? Per infilarmi in un labirinto mentale e matematico? Per dirle che ho un nome simile a quello di uno dei protagonisti del libro, ma con qualcosa in più, una “s” finale che mi differenzia? E cosa importerebbe agli altri lettori , perché questa, non dimentichiamolo, è una rubrica dedicata ai lettori, tutti i lettori, non uno singolo, come nelle corrispondenze private? Mi dispiace, il non facile riscontro non ci sarà. Non so che dirle. So però, guarda il caso, che, nel preciso momento in cui lei scrive e io mi rifiuto di risponderle, noi tutti stiamo abbandonando un numero primo, che è anche un anno, il 2011, e stiamo entrando nel 2012, altro anno, pari e divisibile, non intrappolato come una perlina – direbbe sempre Giordano - in una collana, una sequenza di numeri unici. Un anno normale, ci auguriamo senza singolarità, non questo tremendo ed eccezionale, si spera davvero solitario, 2011: manovre eccezionali, sofferenze e sacrifici eccezionali, governi eccezionali, spread eccezionale, la Merkel e pure Sarkozy, e poi Monti, l’Ici, Imu, aliquote, accise, catasto, pensioni. Addio maledetto 2011. E sia benvenuto un anno non primo ma forse secondo o terzo o quarto, un tranquillo 2012 senza grilli per la testa, non smarrito nello «spazio silenzioso e cadenzato fatto solo di cifre» e percentuali e Pil e debito e deficit e meno due e meno tre e quattro e giù fino al baratro dell’ansia. Un anno sul serio normale, ecco ciò che ci vuole. E che se ne vadano a quel Paese, per non dire di peggio, i numeri primi. Compreso il 2011. Auguri di cuore a lei e a tutti i lettori.
mattias.mainiero@libero-news.eu

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ADM

    02 Gennaio 2012 - 11:11

    Mi consenta una nota alla striscia del 31...Riscontro impossibile...lo sapevo gia'...Nessun tentativo di speculazione nè matematica, nè filosofica, nè sfida. Solo suggestione poetica. La sfida...giornalistica...se si può così definire, non mi appartiene...per carenza di competenze. Magari fosse. Solo amara considerazione, su una solitudine che appartiene a tutti... a prescindere dai numeri primi e non. Era un semplice augurio per un 2012, che appena iniziato, sembra già alla fine...con meno angoscia, che va di pari passo con la solitudine. Comunque...sono sempre del parere che, Lei, è un numero "primo" isolato ed eccezionale, sospettoso e solitario, silenzioso, ma non troppo, cadenzato...da discutere...Tagliente, sempre. Le sue risposte sono...da manuale. Ma...io...ho sempre il mio gabbiano che sussurra emozioni al vento! E non è poco. Ancora auguri. Grazie. A. De Matthias

    Report

    Rispondi

  • giorgio_collarin

    01 Gennaio 2012 - 01:01

    monti, come i due giovani protagonisti del romanzo: pietosi nel loro vivere un rapporto senza succo e sostanza pieno di numeri inconcludenti, con la sua manovra tutto-tasse e volta a portare l'italia a fondo, fa pietà e se si dovesse scrivere un romanzo avrebbe il titolo "i sopravissuti del 2011 allo sconquasso montiniano".

    Report

    Rispondi

media