Cerca

Usa, risultati positivi contro l'obesità

Il tasso di crescita sembra rallentare

Usa, risultati positivi contro l'obesità

Iniziano a dare i primi risultati positivi le iniziative per ridurre i grassi a tavola, favorire l'attività fisica e far conoscere il contenuto calorico dei cibi. Almeno negli Stati Uniti, alle prese da anni con un'epidemia di obesità: secondo gli ultimi dati, pubblicati online su “Jama”, nel 2007-2008 gli extralarge sono ancora molto numerosi nel Paese - circa un terzo della popolazione adulta è obeso - ma, per la prima volta negli ultimi decenni, il tasso di crescita dell'obesità sembra rallentare.

È una novità importante, al punto che la pubblicazione della ricerca, condotta da Katherine Flegal di Centers for Disease Control and Prevention, è stata anticipata online, considerati i possibili riflessi sulla salute pubblica.

Lo studio ha raccolto i dati relativi ad altezza e peso di 5.500 americani con più di 20 anni, confrontando i risultati con quelli degli anni '70, '80 e '90 del Novecento. È risultato che, se le percentuali degli extralarge sono sempre impressionanti, dal momento che il 68% dei cittadini è in sovrappeso oppure obeso, per la prima volta tra il 2000 e il 2008 i tassi di obesità non sono aumentati a livelli analoghi a quelli visti nei periodi precedenti. Come spiega Katherine Flegal, si tratta di un fenomeno rilevato «in particolare per le donne, ma possibilmente anche per gli uomini».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog