Cerca

Sul mercato italiano i primi salumi "halal"

I prodotti sono preparati con carne di pecora e capra, nel rispetto dei precetti islamici

Sul mercato italiano i primi salumi "halal"
Arrivano sul mercato italiano i salumi "halal" conformi alla religione islamica. A idearli è stato un  giovane imprenditore sardo che ha vinto l'Oscar Green promosso dalla Coldiretti. Dalle opportunità offerte da un mercato che ammonta a circa 5 miliardi di euro ed è in rapida crescita, nasce, infatti,  l’idea di Antonio Fernando Salis, vincitore del premio per l’innovazione in agricoltura, che ha rinnovato la sua azienda "La Genuina" di Ploaghe (Sassari), dedicandosi alla produzione di salumi "halal".

Tutti i prodotti,
preparati con carne di pecora e di capra, vengono controllati e certificati dall’Imam, la principale autorità religiosa per l’Islam. L’integrazione religiosa non è quindi solo un valore per la pace e lo sviluppo, dice Coldiretti, ma ha anche importanti riscontri sul cambiamento degli stili alimentari ed una conseguente innovazione sull'offerta delle imprese. Se l’influenza della religione cattolica sulle abitudini alimentari è una realtà nota in Italia con un tradizionale picco settimanale di consumo di pesce il venerdì nelle case, nelle mense e nei ristoranti, il recente fenomeno dell’immigrazione da paesi di religione islamica ha determinato l’adeguamento dei sistemi produttivi alle esigenze di un segmento di popolazione in continua crescita.

La diffusione del metodo di lavorazione della carne "halal" interessa tutto il territorio nazionale: oltre cento macelli, un quinto del totale, osservano i precetti islamici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Telit

    22 Agosto 2010 - 16:04

    Andatevi ad informare come avviene la pratica di macellazione islamica. Ben vengano i frutti di culture straniere nel nostro paese ma credo occorra tenere a mente un particolare fondamentale. La religione,in definitiva, dovrebbe essere la casa dell'anima. La legge non si infrange nemmeno nella propria casa. Saluti.

    Report

    Rispondi

  • mohamed81

    04 Luglio 2010 - 13:01

    per la Certificazione Halal in Italia. HALAL ITALY certifica e commercializza prodotti delle filiere agroalimentari, cosmetici, farmaceutici, chimici, packaging, cura del corpo e cura della salute. Particulare attenzione è indirizzata ai prodotti per i BAMBINI. HALAL ITALY è patrocinata, per gli studi di ricerca scientifica applicata ed avanzata nel campo della Certificazione Halal, dall’Università Mediterranea Arab Academy for Science & Technology, che fa capo alla Lega delle Nazioni Arabe ed è rappresentata in Italia dalla AICI. HALAL ITALY è autorizzata, sotto il profilo giuridico religioso, dal Consiglio Superiore Islamico in Italia, somma Autorità di studi islamici in Italia, nonché dalla Comunità Islamica in Italia. Ed è inoltre riconosciuta dalle organizzazioni governative e religiose dei paesi islamici. Benefici per le AZIENDE La certificazione Halal, obbligatoria per il consumo da parte di cittadini di fede islamica e quindi per l’esportazione in stati con maggioranza di cittadini musulmani, permette alle aziende italiane di approcciare e “rubare il cuore” a oltre 4 milioni di nuovi consumatori in Italia, oltre 20 milioni di nuovi consumatori in Europa e oltre 1,5 miliardi di nuovi consumatori nel mondo, tutti desiderosi di prodotti certificati e garantiti essere di qualità HALAL, mai finora curati in Italia.

    Report

    Rispondi

blog