Cerca

Succo di ciliegia per combattere l'insonnia

La scoperta è stata brevettata dai ricercatori americani della Pennsylvania. La melatonina, contenuta nel frutto, favorisce un sonno più tranquillo

Succo di ciliegia per combattere l'insonnia
Potrebbe finalmente rivelarsi la soluzione ideale per combattere l'insonnia. E il rimedio, rigorosamente tutto al naturale, potrebbe essere il succo di ciliegia.
Lo studio è stato condotto da un team di ricercatori americani dell'Università della Pennsylvania, l'Università di Rochester e il VA Center di Canandaigua.
Sono 15 gli anziani, tutti con problemi di insonnia, che sono stati coinvolti nell'esperimento. A ciascuna delle "cavie" è infatti stato dato da bere del succo di ciliegia, più precisamente circa 227 grammi, mattina e sera, per un periodo di due settimane.
E, negli altri quindici giorni successivi alla fine della ricerca, gli anziani avrebbero dovuto dissetarsi solo con del comune succo di frutta.
Dai risultati delle analisi si è riscontrato che, durante l'arco di tempo in cui il gruppo aveva assunto il succo di ciliegia, si sono riscontrati benefici non indifferenti sul sonno, rispetto alle due settimane in cui avevano bevuto del semplice succo di frutta.
La ricerca è stata pubblicata sulla rivista "Journal of Medicinal Food" e, a detta degli esperti, gli episodi di insonnia si sarebbero verificati molto più sporadicamente grazie alla presenza della melatonina, contenuta nel succo di ciliegia.
Proprio la melatonina è infatti la sostanza che regola in maniera naturale il ritmo del sonno.
"Quando consumato regolarmente, il succo di ciliegia può aiutare a regolare il ciclo naturale del sonno del corpo e aumentare l'efficienza, diminuendo anche il tempo necessario per addormentarsi" ha quindi dichiarato il Dottor Russel J.Reiter, scienziato biomedico presso l'Università del Texas.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Viking

    15 Luglio 2010 - 09:09

    Alla faccia di tutte le aziende farmaceutiche!

    Report

    Rispondi

blog