Cerca

Dannata speculazione. Da ottobre pure per la cioccolata si pagherà di più

Le manovre dell'inglese Ward, che ha accomulato il 7% delle scorte mondiali, rischiano di diventare una batosta per i golosi

Dannata speculazione. Da ottobre pure per la cioccolata si pagherà di più
Passi la benzina e i soliti ritocchi ad orologeria prima dell’esodo; pazienza per le batoste del grano che fanno impennare i prezzi di pasta e pane. Ma che la speculazioni di un magnate inglese possano provocare anche l’aumento del cioccolato e di tutti i dolci annessi è davvero un colpo basso per tutti i golosi.
Gustarsi la sana e ghiottosa "dose" di glucosio giornaliera, infatti, protrebbe diventare estremamente dispendioso se andranno a buon fine le manovre speculative di Anthony Ward, uno dei principali trader globali sul cacao.
Scommettendo sul rialzo dei prezzi del cacao, Ward ha accumulato Tramite la sua società di investimenti, la Armajaro, un tesoretto di scorte pari a circa il 7% della produzione globale: in pratica l’inglese ha tra le mani una quantità tale di ciocccolato da decidere le future evoluzioni delle valutazioni di mercato.
Del resto le prime avvisaglie si sono già viste a Londra nel mese di luglio, quando il prezzo di una tonnellata di cacao è salita a 2.732 sterline, raggiungendo il picco massimo dal 1977.
Tuttavia il vero momento della verità sarà a ottobre, quando si avranno le stime sulla produzione mondiale di cacao: se non saranno buone, Ward rischia di risultare l’ultima - e carissima - risorsa dei produttori di cioccolato per aggiudicarsi la materia prima.
In quel caso gli amanti del dolce avranno due possibilità: o arrendersi e aprire il portafoglio, oppure abbandonare la seducente barretta cioccolatosa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • yaaa

    11 Agosto 2010 - 00:12

    ma dove siamo, su "l'eco di Topolinia" ? ... almeno provateci ad essere un giornale serio ...

    Report

    Rispondi

  • ingenuo39

    10 Agosto 2010 - 19:07

    Cosa c'entrano i comunisti, i politici e gli altri con il cacao? Io penso: siccome il cacao come il cioccolato , mette stitichezza, si vede,visto il rincaro e perciò il minor uso del prodotto di conseguenza, che questa persona o persone vogliono che i nostri politici abbiano meno problemi quando li si manda in quel posto. ciao

    Report

    Rispondi

  • dontfeedtheboss

    10 Agosto 2010 - 16:04

    colpa dei comunisti, o di Fini e Bocchino? Certo non di Berlusconi e del PDL, loro, si sa, non sbagliano mai.

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    10 Agosto 2010 - 16:04

    è il momento giusto per informare i consumatori che la cioccolata FA MALE , fa INGRASSARE e fa venire i BRUFOLI! ... e vediamo come va a finire questa benedetta speculazione!!!

    Report

    Rispondi

blog