Cerca

Caffeina, un'arma letale

Un 23enne inglese è morto. Un uomo ha ucciso la moglie. Storie di quanto può far male il caffè a sè stessi e agli altri

Caffeina, un'arma letale
Overdose da caffè. Strano ma vero. È successo a Michael Lee Bedford, 23 anni, inglese, morto per aver esagerato con l'uso della polvere scura. Durante una festa tra amici ne aveva mangiati vari cucchiaini (quasi come 70 energy drinks) e l'effetto è stato fatale. Probabilmente lo ha fatto per mantenersi bello e pimpante per tutta la durata del party ma gli è andata proprio male. Due mesi fa, negli Stati Uniti, invece, un uomo, accusato di aver ucciso la moglie, si è difeso parlando di intossicazione da caffeina. Il presunto assassino avrebbe detto di aver bevuto troppi energy drinks e di aver preso un numero eccessivo di pillole dimagranti (che spesso contengono questo eccitante).Tutto questo gli ha provocato una instabilità mentale che lo ha portato all'omicidio della donna. Nel mese scorso, alcuni casi di avvelenamento da alcol nei campus universitari statunitensi sono stati attribuiti alla presenza di caffeina in alcuni cocktail. Nella Central Washington University, dieci studenti sono stati portati d'urgenza in ospedale. Gli amministratori dei college e i legali della salute pubblica vogliono vietare bevande alcoliche che contengono l'eccitante del caffè.

Chimicamente, la caffeina è un alcaloide naturale presente nel caffè, ma anche nella cioccolata, nel guaranà, nel mate, nella cola e nel tè (per questo chiamata, a volte, teina). È uno stimolante del sistema nervoso centrale e per questo ci tiene svegli. Non bisogna però sottovalutarne le conseguenze. Un uso prolungato può portare a tolleranza oltre che a ulcere ed esofagiti a causa della sua azione sugli acidi gastrici.
Il dottor inglese Tony Massey ha precisato che si possono bere fino a tre tazze di caffè al giorno (circa 200 milligrammi di caffeina). Un consumo maggiore può essere pericoloso. Caffè sì, ma nel modo giusto.





Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 0836Cira

    17 Maggio 2011 - 11:11

    Io il caffè non lo bevo da 40 anni, (ne ho 60) perchè già dormo poco di mio, pensate se bevessi caffè. Detto questo mi sapete dire a cosa serve il caffè? E' un'eccitante ? E perchè dovete eccitarvi? Poi sapevate che crea dipendenza?

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    03 Novembre 2010 - 22:10

    Nell'energy drink la caffeina è solo una piccola parte dei componenti della bevanda. Leggendo, con una buona lente di ingrandimento, si scopre che ci sono: guaranina, taurina, ginseng, maltodestrina, inositolo, carnitina, creatina, glucuronolattone e Ginkgo biloba, vitamina B e erbe officinali che sono circa una quindicina. Allora .... tutta colpa del caffé?

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    03 Novembre 2010 - 19:07

    Così come viene posta la notizia sembrerebbe che la caffeina sia da evitare perchè pericolosa.Niente di più sbagliato. Di solito una tazzina di caffè contiene circa 100mg di caffeina, mentre Red Bull ne contiene circa 80 mg. insieme mi pare ad alcuni aminoacidi come la taurina. La caffeina è un modesto eccitante centrale, molto meno della simpamina e raggiunge la massima concentrazione nel sangue dopo almeno 3 ore. Dosi di 1 grammo hanno prodotto solo fenomeni eccitatori nell'uomo,come vertigine, crampi muscolari,tachicardie etc. Non si conoscono casi letali da caffeina, a meno che il soggetto che ne faccia uso sia un cardiopatico con gravi turbe del ritmo. Forse il messaggio giusto è questo: la caffeina contenuta nell'energy drinks mescolata a sostanze alcoliche,ne maschera gli effetti perniciosi sino ad arrivare alla narcosi ed a gravi turbe del respiro ,secondo la formula "eccita,deprime ,paralizza".Dipende dalla dose.Est modus in rebus,lo sapeva persino Orazio satiro.

    Report

    Rispondi

blog