Cerca

Ct al veleno

Italia, Conte è furioso: "Il nostro calcio ha toccato il fondo, ma possiamo ancora scavare"

Italia, Conte è furioso: "Il nostro calcio ha toccato il fondo, ma possiamo ancora scavare"

"Il calcio italiano ha toccato il fondo, ma io dico che non è finita, possiamo ancora scavarlo...": sono parole dure e cariche di pessimismo, quelle del ct della nazionale, Antonio Conte, il giorno dopo l'incontro con gli allenatori di serie A. "Spesso si parla a vanvera, io voglio i fatti e preferisco agire: c'è la voglia di costruire qualcosa d'importante, e la nazionale è di tutti ed è importante". La collaborazione tra nazionale e club? "Ci deve essere: i club sono importanti, ma anche la nazionale è importante..."

L'incontro con gli allenatori - Dalle parole rilasciate a RaiSport, pare di intravedere un Antonio Conte non del tutto soddisfatto, anzi: c'è sicuramente qualcosa che inquieta il ct azzurro. La Stampa di oggi, a proposito dell'incontro tra il ct e gli allenatori dei club, ha parlato di "mezzo flop", con "Benitez, Garcia e Mancini che non sono andati da Conte: i club potrebbero dire no agli stage per la nazionale". Ha fatto eco, alle parole della Stampa, anche Max Allegri, tecnico della Juventus, oggi in conferenza: oltre alle consuete parole di rito, e cioè "L'incontro con Conte è stato positivo, uno scambio di idee: siamo usciti dall'incontro con una collaborazione da parte di tutti gli allenatori col ct, ma credo che sia normale. Era la prima volta che accadeva e credo sia stato positivo", Allegri ha anche glissato sulla questione-stage: "Ci sono delle date che vanno rispettate. I giocatori non sono miei ma della Juventus, il confronto sarà fatto tra la Federcalcio e le nazionali". Diversi altri allenatori, tra cui Montella e Stramaccioni, hanno ribadito il concetto espresso da Allegri: i giocatori sono dei club, e saranno loro (eventualmente) a creare problemi a Conte...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • miacis

    19 Dicembre 2014 - 01:01

    La nazionale? Contraria agli interessi di club: va ridimensionata! Come ci siamo dimenticati il posto fisso,poi il posto precario poi proprio il posto, così dobbiamo abituarci che nel mondo globalizzato le nazionali rompono le palle. Dobbiamo essere meno rigidi e più elastici pronti a fare fronte a nuove sempre più difficli sfide! Conte potrà fare tutti gli stage che vuole tramite internet svolgen

    Report

    Rispondi

blog