Cerca

Animalisti in rivolta

Tragica fuga dal circo
Giraffa finisce uccisa

Il cucciolo ammazzato forse da una dose eccessiva di calmante

L'ex ministro Michela Vittoria Brambilla: "Il circo ha messo in scena l’ennesimo spettacolo degradante, che non fa certo onore al nostro Paese".  
Tragica fuga dal circo 
Giraffa finisce uccisa

di Antonella Luppoli

È fuggito ieri mattina intorno alle otto, ha vagato per diverse ore tra le vie del centro di Imola. La sua corsa si è arrestata all’interno del cortile della «Cooperativa Cefla» lungo la via Selice in direzione casello dell’A14, dove è giunto con la bava alla bocca, il cuore impazzito e gli occhi terrorizzati. Poi è stato rinchiuso in una gabbia improvvisata e sedato con due iniezioni sparate da un agente della Polizia Provinciale. Ma, forse a causa di un arresto cardiaco, o di un dosaggio esagerato del medicinale calmante è morto qualche ora più tardi. 

Oggi l’autopsia farà luce sulla vera causa del decesso. Di chi stiamo parlando? Di Aleksandre un esemplare maschio di giraffa di 4 anni, arruolato nel circo «Rinaldo Orfei» ospite in questi giorni nella città in provincia di Bologna. Voleva godersi un po’ di libertà - probabilmente stanco delle «ristrette sbarre» - così è sceso in strada dove ha seminato il panico tra la gente e per la verità, danneggiato anche qualche auto. Immeditamente, sono stati allertati i vigili urbani che hanno tentato di braccarlo. Ma non deve essere semplice fermare un animale che pesa 920 kg e che è alto 5 metri, tra l’altro spaventato e sicuramente non abituato all’asfalto e alle macchine. L’habitat naturale delle giraffe è infatti tutt’altro, ma agli addetti ai lavori circensi questo sembra importare poco. È solo uno lo slogan: «The show must go on». Anche a costo di inadeguatezze e, perchè no, maltrattamenti fisici e psicologici. Non conta insomma se il «divertimento» priva gli animali della propria dignità. Dopo la morte dell’animale è scoppiata la polemica. Come si può uccidere una giraffa per un motivo così banale? E in Parlamento cosa si fa per evitare che accadano tristi episodi simili a quello che abbiamo appena raccontato? Poco o nulla. Esiste un disegno di legge che vieta la presenza degli animali nei circhi, ma è fermo chissà su quale scrivania da quattro legislature. E mentre l’Italia rimane a guardare, gli altri Paesi - ad esempio la Francia, ma anche altri Stati meno all’avanguardia - vietano questa insensata abitudine. 

Sulla vicenda è intervenuta l’ex ministro del Turismo, Michela Vittoria Brambilla. «Oggi ad Imola il circo ha messo in scena l’ennesimo spettacolo degradante, che non fa certo onore al nostro Paese». Poi la fondatrice della Federazione italiana associazioni diritti animali e ambiente aggiunge: «È ora di smetterla con questi spettacoli crudeli, diseducativi e certamente arretrati sotto il profilo culturale ed etico».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • coluichevince

    16 Ottobre 2012 - 14:02

    la soluzione e semplice, togliete gli animali dai circhi idioti!!!

    Report

    Rispondi

  • coluichevince

    16 Ottobre 2012 - 14:02

    nella foto se non sbaglio c e scritto orfei, quel nome solo a sentirlo mi da i nervi. nella maggior parte dei circhi ce sempre quella strega di mezzo dovrebbero prendere a frustate a questi maltrattatori degli animali. i genitori sono i principali colpevoli che portano i propri figli a vedere il circo, dovrebbero insegnare loro cosa fanno agli animali per ammaestrarli e fargli capire fin da bambini in che razza di mondo viviamo. LASCIATE STARE GLI ANIMALI CHE NON HANNO NESSUNA COLPA. LA COLPA E SOLO VOSTRA CHE PER FARE SOLDI LI AMMAZZATE QUANDO QUELLI CHE SI MERITANO DI SOFFRIRE SIETE SOLO VOI!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    22 Settembre 2012 - 17:05

    I veri animali nel senso più spregiativo sono gli uomini! Lasciate gli animali nel loro habitat perché nei circhi si vedono solo animali rincoglioniti, maltrattati e denutriti. Fate altre cose al circo come le cirque du solei ma lasciate vivere e morire gli animali nel loro luogo d'origine. Ci sono i documentari, i libri, etc. ampiamente illustrati. Qualcuno faccia qualcosa!!!!! Togliete gli animali dai circhi, dagli acquari, dagli zoo e lasciateli vivere in pace, schifosi, se ne siete capaci!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • carlozani

    22 Settembre 2012 - 12:12

    Io abito a Imola a poca distanza dove è fermo il circo.Il problema non sono se è giusto o meno vietare gli animali nei circhi, ma come viene gestita la cattura.Pochi giorni fa un capriolo è entrato in centro ed è inito ucciso,a sparare un anestetico non può essere una guardia provinciale ma un veterenario.L'anestetico usato era per giraffe o ne viene usato uno comune che va dal cavallo all'orso,al leone o giraffa?La guardia conosceva il dosaggio? Non c'erano altri modi per fermarla?L'addetto all'anestetico dovrebbe avere un numero telef.di un centro per animali esotici per potere chiedere un eventuale parere. C.Zani

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog