Cerca

Il commento di Mughini

L'alta velocità accoglie i cani:
è finita l'era della deportazione

I trasporti, da oggi, sono più civili: per fido c'è un tappeto e una ciotola. Su Italo viene fornito anche un sacchetto Monouso. "E sul treno andrò con la mia Bibi"

Soltanto qualche settimana fa portarsi un cane sul treno era un vero e proprio calvario, sia per il proprietario sia per fido, che veniva trattato come un prigioniero di guerra
Giampiero Mughini

Mughini con la sua Bibì

 

di Giampiero Mughini

In ogni settore della vita l’Italia è un Paese che non ha l’eguale al mondo quanto a spread tra Retorica e Realtà. Per quel che è della vita dei nostri amici più fidati e più indispensabili, i cani, la conoscete benissimo la Retorica disseminata per ogni dove sul fatto che i cani non vanno abbandonati eccetera. Poi guardate alla realtà della loro condizione di ogni giorno, ed ecco che i nostri amici non possono entrare nella maggior parte dei ristoranti o dei negozi, che è arduo trovare una spiaggia dove loro possano stare con noi e magari farsi un tuffetto. Per non parlare delle disposizioni barbariche in materia di cani che ti vuoi portare in treno per andare, che so?, da Roma o Milano. 

Sino a qualche settimana fa questa eventualità equivaleva a un supplizio, e per te per il tuo cane. Io e Michela (la mia compagna) lo avevamo sperimentato con Bibì, che è una setter inglese ma è come se fosse nostra figlia. 

Ebbene per andare da Roma a Milano o Bibì la portavamo in macchina o niente. O meglio una possibilità c’era: un vagone di seconda classe su un Intercity. Niente di male per la seconda classe, ma un Intercity da Roma a Milano ci mette sei ore che diventano sette con il probabilissimo ritardo. Ebbene Michela s’è fatta una volta quelle sette ore con Bibì ai piedi, buonissima come al solito, che se n’è stata accucciata per sette ore felice comunque di avere a portata di muso Michela che per lei è una divinità. Sette ore inchiodata alla condanna di essere un cane che pesa più di dieci chili (i cani piccoli, quelli sì li potevi portare in treno se chiusi nella loro celletta). Ebbene questa barbarie italiana è finita, sta finendo.

Prima Trenitalia e adesso Italo ti permettono di viaggiare con il tuo cane accanto su un treno ad alta velocità che ci mette tre ore a collegare le due capitali. Ovviamente paghi un biglietto, tra la metà e il 30 per cento del costo normale. Da Italo hanno addirittura previsto di accogliere il cliente cane nel migliore dei modi. Di mettere a sua disposizione un tappetino e, mi immagino, una ciotola d’acqua. Ovvio che è piena responsabilità del padrone, munito di guinzaglio e di museruola, che il cane si comporti civilmente. Per quel che è di Bibì so già quel che succederà: che alla fine del viaggio i miei vicini di posto saranno tristissimi di vederla andar via da quanto lei li ha sedotti, s’è messa pancia all’aria pur di avere carezze, li ha guardati con l’aria da Greta Garbo nella speranza di scroccare un qualche bocconcino: il fatto è che Bibì solo l’amore conosce della vita, darlo e prenderlo. 

Ebbene, per quel che è del viaggiare in treno sino a poche settimane fa a Bibì era riservato solo un Intercity di seconda classe. Non faccio paragoni sacrileghi, ma non riesco a non pensare agli ebrei parigini che nel 1942 i nazi costringevano a viaggiare solo nell’ultimo vagone della metropolitana. 

Il fatto è che i cani sono trattati per molti aspetti come se fossero degli animali, e non degli esseri spesso più raffinati che non gli esseri umani. Da quando ho Bibì, io mi comporto al modo che sto per dire. Vado in un ristorante? Non lo chiedo prima se accettano o no Bibì, arrivo con lei al guinzaglio. Se mi dicono che no, non c’è problema: vado a scegliermi un altro ristorante. 

In realtà non mi dicono mai di no, a denti stretti mi fanno entrare. Col risultato che alla fine della serata loro si sono innamorati di Bibì, mi supplicano di tornare al più presto, si intristiscono da morire se per caso torno senza di lei. Lo stesso vale per le case private. Cerco di portarla nove volte su dieci. Non posso farlo da Oliviero Diliberto, perché lui ha un gatto che si annuncia rissoso e dunque meglio evitare. Da Marina e Carlo Ripa di Meana c’era il problema che Carlo è un po’ reticente in fatto di cani che arrivano a casa loro e magari eccitano i loro di cani; dopo un paio di volte che ha constatato quanto Bibì sia deliziosa e in tutto misurata, anche lui la adora. 

Da Francesco De Gregori poi è un cinema. Loro hanno una cagnetta piccola e mobilissima, e poi c’è che da loro gli invitati a cena sono non meno di dieci-dodici. Appena arrivo lascio libera Bibì che comincia a giocare con la loro cagnetta quattro volte più piccola di lei: la abbraccia, la mordicchia, la stende per terra con infinita tenerezza e cautela. Poi comincia a farsi il giro dei dieci-dodici commensali. Va a turno da ognuno di loro, appoggia il muso sulle loro gambe e li guarda con l’aria di dire che lei è appena uscita da un lager per cani dove da due mesi non le davano nulla da mangiare. Se funziona bene, altrimenti passa al commensale attiguo.

Mai mai mai una volta che Bibì non sia stata ineccepibile nei suoi rapporti con il prossimo, fosse a due o a quattro zampe. Già mi pregusto il cinema che farà sui treni ad alta velocità, il suo cercare di fare amicizia, il suo spacciarsi da diva, i suoi sguardi da escort. Sono sicuro che darà gioia a tutti, quanta ne dà a me ogni minuto della mia vita. Quasi quasi se prendo uno dei treni del mio amico Luca  di Montezemolo e mi porto lei, mi faccio pagare per la delizia che ne verrà agli altri viaggiatori.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • RobertPaul

    25 Ottobre 2012 - 10:10

    ma i cani sono animali , sono belli e si comportano bene ma sono animali . io ne ho pianti tanti ma non ho mai perso di vista questa semplice realtà . E sul frecciarossa c'è la seconda classe standard che fu progettata per essere isolata dal resto del treno , dalla seconda standard non si può accedere (almeno da progetto ) al bar ed alle altre tre classi . e se succede qualcosa lì dentro ? hanno previsto un capotreno dedicato solamente a quella classe ? altro che cani e gatti . sono solo animali che siccome non sono selvaggi possono essere addomesticati .

    Report

    Rispondi

  • RUGIA

    23 Ottobre 2012 - 21:09

    BRAVO SIG. MUGHINI, CONDIVIDO TOTALMENTE LE SUE PAROLE ED IL SUO PENSIERO.PENSO A TUTTE LE VOLTE CHE HO AVUTO PROBLEMI A PORTARE CON ME IL MIO CANE, DOLCE ED AFFETTUOSO, IN TRENO...PER NON PARLARE DEGLI AERI- ANCHE QUI QUANTI PROBLEMI... UN PLAUSO A LEI E UNA CAREZZA ALLA SUA SPLENDIDA E DOLCE BIBI. MM

    Report

    Rispondi

  • gianko

    21 Ottobre 2012 - 16:04

    'sti 'animalisti a prescindere' stanno esagerando.. non se ne può più; sono anch'io contro le violenze sugli animali (ma anche sugli umani però) ma est modus in rebus..non dimentichiamo che spesso il 'miglior amico dell'uomo' è causa di tragedie (bambini o anziani sbranati, ecc..) poi si sa che gli 'esperti' danno sempre la colpa al padrone, e sarà anche vero, ma allora bisogna fare una legge che obblighi chi vuol tenere un cane di grossa taglia, a frequentare un apposito corso di 'psicologia canina' e poi non è detto che sia sufficiente.. se impazziscono gli umani, perchè non dovrebbero impazzire anche i cani?

    Report

    Rispondi

  • mariano1963

    19 Ottobre 2012 - 22:10

    Apprezzo tutte le iniziative a favore di animali, peccano che non hanno lo stesso interesse i 7,5 milioni di bambini sotto i 5 anni che muoiono ogni anno. Forse perche' non si chiamano bibi?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog