Cerca

Agility dog

Il muro o viadotto nell’agility

I consigli degli esperti

Scopriamo insieme uno degli ostacoli più utilizzati nei percorsi di agility
muro-agility

 

Il muro o viadotto nell’agility resta uno degli ostacoli più usati, attraversato dal cane più volte nel medesimo giro. Questo ostacolo fa parte della categoria dei salti ed è composto da due torrette laterali (i montanti dell’ostacolo), da tre o quattro elementi lunghi 135 cm e larghi poco meno di 25 cm, che partono da terra in mezzo alle due torri e si montano uno sull’altro per variarne l’altezza in base al cane (small, medium o large) e da quattro o cinque tegoline leggere in plastica o alluminio che vengono posizionate, l’una a fianco all’altra, sull’ultimo elemento dell’attrezzo in modo tale da creare l’eventuale errore, in caso di loro caduta per una toccata da parte del cane.


Il muro o viadotto nell’agility, simili ma…

Viadotto e il muro sono molto simili, la differenza tra i due ostacoli è che nel viadotto, nella parte inferiore del primo elemento che ne forma la base, c’è un’apertura ad arco come se fosse l’ingresso di una galleria, il cane sarà tentato nel passaggio sotto l’ostacolo e di conseguenza cadrà nell’errore. Il cane dovrà saltare l’ostacolo senza far cadere le tegole che segnerebbero una penalità e non dovrà avere incertezze nel saltare poiché ne scaturirebbe un rifiuto.


Insegnamento per grandi

L’insegnamento del muro o viadotto nell’agility viene fatto per gradi. Infatti, il cane verrà fatto passare prima in mezzo alla due torri, poi verranno messe le tegole per terra e verrà ripetuto il passaggio, fino a che non verrà messo l’elemento più basso con su le tegole per dare al cane l’idea del muro completo. Man mano che il cane acquisisce sicurezza, verranno composti gli elementi in base all’altezza del cane.


Dai dieci mesi di età

Per quanto riguarda i cuccioli, si consiglia un insegnamento dai dieci mesi di età in avanti e fino a che il nostro amico non sarà formato fisicamente ed avrà fatto le lastre preventive alle anche ed ai gomiti (cosa consigliata soprattutto per i salti), non potrà saltare l’attrezzo completo.


di Alfonso Sabbatini (riproduzione vietata)

Foto © Rolf Klebsattel /Shutterstock

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog