Cerca

Animalisti in rivolta

Germania, corsi di educazione per i cani: se non passano l'esame vengono uccisi

Germania, corsi di educazione per i cani: se non passano l'esame vengono uccisi

Animalisti scatenati in Germania dove un cane che morde un passante è obbligato, insieme al suo padrone, a frequentare un corso di rieducazione al termine del quale se Fido non passa l'esame viene eliminato. L'esame, spiega Italia Oggi, consiste in un percorso obbligato durante il quale il cane deve obbedire agli ordini del padrone, senza alcuna esitazione. Se la prova fallisce, l'animale viene soppresso. Una condanna a morte senza processo, e senza appello. Roberto Giardina racconta di aver seguito la scena in un programma specializzato sull'educazione di quel che dovrebbe essere il miglior amico dell'uomo. "Il destino di quel cane lupo che non capiva di starsi giocando la vita mi ha rattristato", scrive l'inviato a Berlino di Italia Oggi che rivela solo alla fine il cane purtroppo non ce l'ha fatta ed è stato ammazzato nonostante le tante proteste di chi sosteneva che l' "imputato" è stato condannato a morte senza un avvocato difensore.

Processo anche per le piante - Gli animalisti tedeschi vorrebbero dunque ripristinare il processo per le bestie che non si comportano bene. E qualcuno, si legge su Italia Oggi, chiede un procedimento legale anche prima di abbattere un albero. Un olmo centenario è stato appena segato perché faceva ombra al proprietario di una villa. Si abbattono alberi perché in autunno fanno cadere troppe foglie, e altre piante per questioni di traffico. Nel Brandeburgo volevano abbattere i filari che fiancheggiano le strade provinciali perché pericolose per gli automobilisti che sbandano. Sono state salvate le piante, preferendo che rischiassero la vita quanti corrono troppo. Oggi basta rivolgersi alle autorità competenti e la condanna viene eseguita senza un difensore d' ufficio per abeti, querce e pioppi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gloriabiondi

    26 Maggio 2015 - 10:10

    Quella patata lessa peggio dei nazisti, già nel 1933 Hitler aveva varato leggi a favore della tutela degli animali, compreso quella per limitare la caccia. Animalisti tedeschi, fatevi sentire chiaro e forte.

    Report

    Rispondi

  • verostar99

    02 Aprile 2015 - 20:08

    Non mi sembra che se una persona non è "educata" o non rispetta la legge o uccide un essere vivente la ammazzano.. E pensare che ci definiamo "evoluti" pensa se non lo fossimo.

    Report

    Rispondi

  • etano

    11 Marzo 2015 - 10:10

    E dei rom "poco educati", violentatori, spacciatori, rapinatori e assassini cosa né facciamo? Proviamo ad adottare la stessa soluzione? Entro sei mesi sparirebbero dall'Italia e andrebbero da altre parti magari anche dalla Merkel.

    Report

    Rispondi

  • bernardroby

    11 Marzo 2015 - 07:07

    E proprio vero il detto ch gratta gratta , sotto un tedesco c'è sempre un Nazzista ! quello che hanno fatto al tempo di Hitler , con il generere umano adesso lo rifanno con gli animali ! Ma perche non si sopprimono loro visto che sono così insofferenti alla bellezza della vita e della creazione ! Sono sempre incazzati con qualcuno figli di Satana !

    Report

    Rispondi

blog