Cerca

Orrore

Verona: 80enne spara a un gatto, poi lo calpesta, lo chiude in un sacco e lo butta

Verona: 80enne spara a un gatto, poi lo calpesta, lo chiude in un sacco e lo butta

A Verona, il nonnino dell'orrore. Un uomo, di 80 anni, è stato denunciato dagli uomini del Corpo forestale dello Stato per aver ucciso un gatto, con l'aggravante della crudeltà. L'uomo, infatti, senza apparenti motivi, avrebbe sparato al micio con un fucile ad aria compressa. Poi, dopo aver stordito il felino, lo avrebbe più volte calpestato, per poi rinchiuderlo in un sacco di nylon, e colpirlo furiosamente, dunque avrebbe abbandonato il corpo. Il gesto è stato notato da alcune donne, che hanno fatto scattare l'allarme. Gli uomini della Forestale, dopo due giorni di indagine, hanno scoperto il presunto autore del gesto e lo hanno denunciato all'Autorità giudiziaria per una serie di reati che vanno dalle armi illegali all'uccisione aggravata di animali. L'uomo, nella sua abitazione, aveva un vero e proprio arsenale: sei fucili da caccia calibro 12, tre canne di riserva, 70 cartucce di calibro vario e sei proiettili a palla. Parte di queste armi era detenuta illegalmente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    12 Settembre 2015 - 08:08

    Il gatto siamese, nell'antica Thailandia era amato e destinato alla guardia dei templi. Chi è più civile tra loro e noi ?

    Report

    Rispondi

  • gescon

    11 Settembre 2015 - 22:10

    E poi si dice: veronesi tutti matti ....

    Report

    Rispondi

  • koch

    11 Settembre 2015 - 19:07

    Quel povero gatto ha dovuto subire atroci sevizie da parte di chi dovrebbe essere stato creato ad immagine e somiglianza di Dio. Don Mazzi ha detto che addirittura non si dovrebbe dare da mangiare a cani e gatti: secondo lui questi esseri inferiori devono morire di fame. Gli animali non hanno l'anima, come dicono i preti, ma sono immensamente superiori al genere cosiddetto umano e razionale. Amen.

    Report

    Rispondi

blog