Cerca

Sempre più vicini ai quattrozampe

L'auto? E' un diritto animale:
arriva il taxi per cani e gatti

Negli Usa c'è da tempo. Ora il servizio sbarca da noi, a Milano e Roma. Con 35 euro una vettura trasporta fido e micio. E fa anche da ambulanza...

L'auto? E' un diritto animale:
arriva il taxi per cani e gatti

di Massimo De Angelis

Fido e micio, arrivano i rinforzi pronti a risolvere ogni vostro problema. Non si ha tempo a sufficienza per portare il proprio cucciolo dal veterinario? Il medico è troppo lontano? Oppure improvvisi acciacchi rendono complicati gli spostamenti? Ebbene un utile servizio nato negli Stati Uniti si sta diffondendo ora anche in Italia. Nelle città di Milano e Roma è attivo da pochi giorni il Pet Taxi, un adeguato parco macchine adibito al trasporto degli animali domestici, in grado di andare a ritirare i quadrupedi a domicilio. 

L’idea è venuta dopo aver riscontrato in giro per lo Stivale oggettive problematiche nei trasferimenti degli amici a quattro zampe, per cui il Gruppo Farmina (azienda di alimenti per bestiole) in collaborazione con la Scivac (Società culturale italiana Veterinari per animali da compagnia) ha stilato un progetto completo. 

Grazie al Pet Taxi cani e gatti vengono prelevati dall’abitazione, portati dal loro sanitario di fiducia, e poi riaccompagnati subito a casa. Il proprietario può decidere di seguire il quadrupede, oppure attenderlo fiduciosamente al ritorno, qualora fosse impegnato. Il tutto avviene con l’aiuto di personale specializzato: infatti su ogni vettura sarà presente un educatore, che si occuperà di gestire al meglio non solo il lato comportamentale, ma anche le situazioni di emergenza, fornendo allo stesso possessore eventuali istruzioni su come rapportarsi in caso di elementi piuttosto aggressivi. 

Il servizio prevede la massima coordinazione e sintonia con i medici e, proprio per questo motivo, funziona con una doppia prenotazione, sia allo Scivac che dal veterinario. L’obiettivo dichiarato è quello di rendere accessibile a tutti gli animali le cure di cui hanno bisogno, anche nel caso fossero ripetute, oltre che garantire ai medesimi sanitari delle agende più ordinate mediante un planning efficiente delle visite. Tra l’altro il trasporto può prevedere anche controlli in cliniche specializzate oppure in strutture dove ricorrere a particolari esami. Insomma il Pet taxi desidera porsi come un vero e proprio servizio su misura per «quattro zampe», considerando che il logorìo della vita moderna può talvolta lasciare poco tempo alle famiglie nella gestione delle varie questioni extra. 

Per venire incontro alle esigenze di bilancio, si è cercato di limitare al minimo i costi del servizio. Pacchetto completo, comprendente viaggio andata e ritorno, più accompagnamento e attesa vigile dell’autista educatore, con o senza proprietario a bordo, viene 35 euro. Per prenotare vi sono due possibilità. Attraverso il web, visitando il sito www.farminapetcare.com, oppure contattando telefonicamente il numero verde 800.077315. Tuttavia viene consigliato di consultare sempre il veterinario di fiducia, perché gli organizzatori dell’iniziativa hanno rapporti continui con medici e specialisti, garantendo loro tariffe più basse rispetto a quelle riservate all’utenza privata. Una sorta di fidelizzazione del servizio. L’interesse per il progetto è notevole, le chiamate arrivano, ma per adesso il network risulta disponibile solo in due realtà urbane. Chissà che in futuro non possa estendersi nel resto del territorio nazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog