Cerca

Appunto

Volo e schianto

0
Filippo Facci

Filippo Facci

Fabio Volo è un simpatico vero, la sua virtuosa medietà l' ha trasformato in un' Alice nell' Italia delle meraviglie a cui tutto riesce benino. Si diverte. Gli scrittori impegnati lo odiano perché stravende paccate di libri senza straziarsi le viscere. Volo non pensa granché, ma lo pensa lui, e non ha mai sentito il bisogno di schierarsi politicamente dalla parte dei giusti. Continui pure a farlo: resti lontano dalle sabbie mobili della politica, che non è una cosa complicata ma neanche semplicistica; altrimenti, come dire, chi va al mulino s' infarina. L' altro giorno ha raccontato che in Rai aveva incontrato Berlusconi e che l' aveva rimproverato per un paio di uscite sugli extracomunitari: e bum, ha trovato subito lenzuolate mediatiche pronte a celebrarlo.
Forse gli è piaciuto, e mercoledì sera ci ha riprovato con Matteo Renzi, in pubblico: e si è schiantato. Doveva presentare il suo libro, Volo, ed era ospite di Oscar Farinetti, nel cuneese, e c' era Renzi come previsto. È stato Volo a introdurre il tema "ius soli" e a solleticare Renzi: salvo stupirsi perché Renzi ha fatto Renzi, e la parola non l' ha mollata più. Così Volo ha perso centralità e ha cercato istericamente di portare via il pallone: «Non sono venuto ad assistere a un comizio». E se n' è andato. Serata auto-rovinata. Poi ha ammesso: «È una situazione che ho gestito male». Cristallino.
Che bello se tutti gli altri artistoidi, quelli «impegnati» all' italiana, capissero che ogni volta fanno la stessa identica figura.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media