Cerca

Violenza sessuale

COSA DEVONO SAPERE ASSOLUTAMENTE LE VOSTRE FIGLIE

Consigli di base per rendere le vostre ragazze meno vulnerabili

3 Agosto 2017

0
COSA DEVONO SAPERE LE VOSTRE FIGLIE

Martedì sera tra le 22 e le 23, una ragazza di soli 15 anni è stata violentata da cinque ragazzi di età compresa tra i 16 e i 18 anni.

Molte volte noi genitori diamo tante cose per scontate quando in realtà non lo sono. Pensiamo che i nostri figli siano più preparati ai rischi esterni. Nonostante per alcune cose siano molto più avanti rispetto a noi alla loro età, per altre sono molto più ingenui e fragili. 

Noi genitori, la scuola e gli enti sportivi, abbiamo il dovere di metterli in guardia.

Come prima cosa metterli a conoscenza dei principali pericoli esistenti e su questo lascio a voi il delicato compito.

Per quanto riguarda la PREVENZIONE DEL RISCHIO cercherò di darvi alcuni consigli da trasferire alle vostre figlie.

- mantenere sempre la guardia alta, metafora pugilistica che rende bene l'idea. La guardia nella boxe serve per non prendere colpi nelle zone vulnerabili. Se la guardia non è alta ci esponiamo all' attacco dell' avversario. Allo stesso modo le nostre ragazze devono rimanere "sempre coperte" anche in compagnia di persone conosciute. 

- gli ex fidanzati sono una categoria particolarmente a rischio, perché molto spesso la parte emozionale tende a sovrastare quella razionale e quindi "non si percepisce il pericolo". In parole più semplici, le ragazze tendono ad abbassare la guardia nei confronti degli ex perché, memori dei profondi sentimenti di affetto provati nei loro confronti, non si aspetterebbero mai, razionalmente, azioni volte a danneggiarle. Purtroppo molto spesso gli ex sfruttano questa vulnerabiltà per tendere la trappola. 

Se avete interrotto la relazione sicuramente avrete affrontato l'argomento svariate volte.

Non cadete nel PERICOLOSISSIMO TRANELLO dell' ULTIMO CHIARIMENTO, statisticamente, quest'ultimo si è rivelato più volte fatale.

- anche gli amici stretti a volte approfittano della stima e della fiducia conquistata per farvi abbassare la guardia. Fate particolare attenzione se vedete che il vostro amico sta esagerando con l'alcol; si sta preparando l' alibi per "sferrare l'attacco" e inoltre sta utilizzando "il bere" per farsi coraggio nell'avance. 

Se l'amico fidato vi accompagna a casa e "sentite" che qualche cosa non quadra, alzate una "staccionata" che delimiti la vostra zona intima (circa 45 cm. tra voi e lui). Se inizia a comportarsi in modo strano, con assoluta calma ma in modo deciso, dite che siete stanche e non vedete l'ora di andarvi a riposare!

Non accettate di andare in luoghi appartati o peggio ancora a casa sua o di amici.

Se dovete arrivare ad un conflitto verbale perché la situazione sta prendendo una brutta piega, agite subito! Intimategli di farvi scendere immediatamente. Nel caso non assecondasse la vostra richiesta, minacciatelo con determinazione alzando il tono della voce senza urlare, che sarete costrette a denunciarlo ai carabinieri per sequestro di persona.

Se non è completamente "fuori di testa", lo aiuterete a rinsavire. Nel caso lo vediate particolarmente "brillo" prima di salire in auto, ditegli che vi venite a far prendere dai vostri genitori perché non volete rischiare inutilmente di fare un incidente. Al limite se non volete disturbare i parenti a quell'ora, spostatevi da lui con la scusa di andare in bagno e chiamate un taxi.

- vi trovate in un locale con una vostra amica, ad un certo punto conoscete un gruppo di ragazzi, molto carini e gentili. Dopo un'oretta circa due di loro vi chiedono se vi va di andare a bere qualcosa a casa di uno dei due e la vostra amica sembra entusiasta.

Con la scusa della toilette, le ragazze vanno spesso in bagno con l'amica, dopo esservi allontanate dal gruppo cercate di illustrare con calma i rischi possibili nel caso decideste di andare con loro.

Se siete poco convinte e vi sembra un passo azzardato, non sentitevi in imbarazzo nel dire alla vostra amica che non vi va di andare, né dovete sentirvi "paurose". Purtroppo a volte basta un solo errore per rovinarvi la vita, meglio non sottovalutare situazioni ambigue.

Nel caso vi piacesse la compagnia di questi giovani, nessuno vi vieta di rivederli qualche giorno dopo. Se la vostra amica insistesse nel voler andare, dopo averla messa in guardia più volte, ditele con fermezza che non è vostra intenzione andare e che vi farete venire a prendere dai vostri genitori.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media