Cerca

Violenza sessuale

QUARANTASETTENNE TUNISINO MOLESTA SESSUALMENTE UNA RAGAZZA DI 24 ANNI

NON DARE RISALTO AGLI EVENTI NON DIMINUISCE LA PAURA! CONOSCERE UN PERICOLO PERMETTE DI DIMINUIRLO. COME? CON LA PREVENZIONE E LA CORRETTA GESTIONE DELLA SITUAZIONE

29 Agosto 2017

0
QUARANTASETTENNE TUNISINO MOLESTA SESSUALMENTE UNA RAGAZZA DI 24 ANNI

Domenica 20 agosto alle ore 18.50 sul teno Sassuolo Modena, purtroppo è avvenuto un altro episodio di violenza sessuale ai danni di una ragazza di ventiquattro anni.

La ragazza, dopo essere stata avvicinata da un uomo di quarantasette anni e dopo la richiesta fatta da quest'ultimo di sedersi di fianco a lui, senza rispondere si è posizionata più avanti. L'uomo, dopo aver accettato il legittimo rifiuto da parte della donna, ha pensato bene di raggiungerla e iniziare a palpeggiarla, come la buona educazione insegna. La ragazza comprensibilmente sotto shock è stata aiutata, da una donna presente nello scomparto, a raggiungere la testa del treno. A questo punto il Capotreno ha giustamente fatto fermare il convoglio mentre allertava le Forze di Polizia, bloccando le uscite in modo che l'aggressore non potesse fuggire. All'arrivo della Squadra Volante della Questura Di Modena, il quarantasettenne cittadino tunisino, senza fissa dimora, senza documenti aveva in compenso 2,3 gr. di hashish e un coltello di oltre 18 cm. Fermato è stato denunciato a piede libero.

Capisco che non dovrebbe esserci la necessità, in un paese civile, di arrivare a dare consigli su come comportarsi su un treno per evitare di essere aggrediti, ma dato che i giorni passano e le violenze aumentano, il buon senso dice che sia necessario prendere coscienza della realtà e nonostante quest'ultima non ci piaccia, cercare delle strategie per evitare che altre donne possano diventare vittime.

Per questo di seguito troverete alcuni consigli pratici per diminuire la probabilità che possa accadervi qualcosa di spiacevole:

- quando entrate nello scomparto fate uno screening generale (tecnica di osservazione che permette di individuare situazioni anomale e persone sospette).

se lo scomparto è molto affollato e siete costretti a stare in piedi, cercate di mettervi distanti dalla porta d'uscita. I borseggiatori preferiscono derubare le persone vicino a quest'ultima, per non rimanere troppo tempo sul vagone quando il treno arriva nella stazione successiva.

- se possibile sedetevi vicino ad una coppia che vi ispira fiducia (fidatevi del vostro "sesto senso").

se c'è spazio libero e potete sedervi, posizionatevi sul seggiolino esterno che da sul corridoio e in prossimità dell' uscita (potrete in caso di necessità scappare più rapidamente).

non date mai l'impressione di essere distratti (gli aggressori cercano persone vulnerabili e la distrazione aumenta la vulnerabilità individuale)

non mettete in mostra l' i phone o oggetti di valore e tenete un libro in mano (oltre al valore strategico che tra poco vi spiegherò, leggere un libro vi farà solamente bene..)

non fissate a lungo persone che vi appaiono strane (potreste accendere la scintilla per una persona che non vede l' ora di accendere un fuoco)

- nel caso una persona estranea seduta di fianco a voi iniziasse ad "attaccare bottone", a meno che non siate interessate al dialogo, in modo assertivo ditegli che dovete studiare perché avete un esame da dare a breve (può essere un modo gentile per far capire che non desiderate colloquiare)

se vi sentite toccare, giratevi nella direzione in cui avete percepito l'azione e con fare deciso e tono alto intimategli una frase del tipo: " mi può lasciare in pace per cortesia ? ". Subito dopo guardatevi intorno cercando lo sguardo e l' attenzione di qualche passeggero. Se vi capitasse di essere in uno scomparto vuoto, dopo aver pronunciato quelle parole allontanatevi, cambiate scomparto e chiedete direttamente aiuto ad una persona: "mi scusi mi può aiutare quella persona che mi sta seguendo mi ha molestato!" 
Diventa necessario chiedere aiuto direttamente ad una persona perché altrimenti con una richiesta generale, si rischia che ognuno si aspetti l'intervento dell'altro e nessuno concretamente muova un dito.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media