Cerca

Violenza di genere

" VESTITA COSÌ DOVE CREDI DI ANDARE? "

I segnali che ti devono "mettere in guardia"

26 Novembre 2017

0
" VESTITA COSI DOVE CREDI DI ANDARE? "

"La cosa più importante è rifiutarsi di essere una vittima". Così la scrittrice canadese, Margaret Atwood, diceva riguardo la violenza di genere.

L'obiettivo di questo articolo è rendervi più consapevoli e più sicure. Il termine sicuro significa senza preoccupazioni e il fine è quello di aiutarvi a vivere serene, attente, senza che la paura possa condizionarvi.

Per divenire consapevoli è necessario conoscere il ciclo della violenza in un rapporto di coppia:

1) inizia sempre con rabbia, insulti, minacce

2) si passa poi alla violenza fisica

3) pentimento con la promessa che non accadrà più

Le statistiche ci dicono che la maggior frequenza di violenza nella coppia si manifesta nei week end, tra le 21 e le 24.

La maggior parte degli uomini violenti ha un vissuto di violenza domestica alle spalle. Sono individui insicuri, molto gelosi e possessivi, con un bisogno assoluto di controllo sulla compagna. All'inizio tenderanno a limitare le vostre uscite e successivamente i vostri comportamenti, ma andiamo con ordine.

SEGNALI DA MONITORARE CON ATTENZIONE

- Noti incoerenza tra la comunicazione verbale e il comportamento (tra ciò che ti dice e come si comporta)

- Accetta le tue amicizie maschili? Manifesta comportamenti di eccessiva gelosia e di possesso morboso?

- Accetta le tue amicizie femminili? Come si comporta in loro presenza? Si comporta come quando è con te da solo? Cosa dice di loro quando non sono presenti?

- Ti permette di frequentarle liberamente quando volete?

- Cosa dice dei tuoi famigliari? Pretende un distacco da loro?

- Manifesta aggressività immotivata nei confronti di altre persone?

- Ha pochi amici perchè vive ogni commento come un attacco personale?

- Tende ad attribuire ad altri la colpa di ogni cosa?

- È incapace di gestire le frustrazioni?

- ha il controllo delle emozione rabbia?

- Manifesta aggressività e rabbia immotivata nei tuoi confronti?

- Cambia repentinamente umore (rabbia che si alterna a pentimento)?

- Rispetta i tuoi interessi?

- Ti rispetta come persona?

- Ti giudica per alcuni tuoi comportamenti, in presenza di altri uomini, a suo dire "provocanti".

- Ha rispetto per il lavoro che fai? Ti crea problemi sul lavoro?

- Rispetta il tuo pensiero anche se è diverso dal suo?

- Ti costringe a pensarla come lui?

- Ti obbliga a fare cose contro la tua volontà?

- Ti vieta di vestirti in un certo modo?

- Ti chiama molte volte al giorno per sapere con chi sei e dove sei?

- Ti sei accorta che anche solo una volta ti ha seguito?

- Te lo sei trovato in un locale perchè sapeva che saresti stata là con amiche e con la scusa di farti una sorpresa è venuto a controllarti?

- Ti ha controllato il cellulare senza il tuo permesso?

- Ti ha mai umiliato in pubblico?

- Ti sei trovata a coprirlo facendolo apparire migliore di quanto sia in realtà?

- Ti sei mai sentita soffocata da lui?

- Stando con lui ti sei accorta che la tua autostima è diminuita?

- La relazione ha in qualche modo danneggiato qualche aspetto della tua vita?

- Hai avuto spesso il desiderio che questa relazione finisca ma non trovi il coraggio?

Rispondi a queste domande con SINCERITÀ E ONESTÀ verso te stessa. 

Se ti rendi conto che la tua libertà personale è seriamente compromessa parlane con qualcuno di cui ti fidi, fallo e basta.

Ricordati che non sei sola, tante altre ce l'hanno fatta. CORAGGIO!

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media