Cerca

Curiosità

I bambini non sanno più allacciarsi le scarpe

I più piccoli sono maghi della tecnologia ma non sanno andare in bici

Incoraggiandoli a vivere un’esistenza virtuale si rischia di compromettere il loro normale sviluppo
0
I bambini non sanno più allacciarsi le scarpe
Incoraggiandoli a vivere un’esistenza virtuale si rischia di compromettere il loro normale sviluppo

Fa riflettere lo studio condotto dalla AGI/AVG, azienda specializzata in ricerche su internet, dal quale è emerso che i bambini di oggi sanno scrivere sul computer, navigare su internet, usare un telefonino ma non sono capaci di allacciarsi le scarpe da soli o di andare in bicicletta.

I dati fanno riflettere: soltanto l’11% sa allacciarsi le scarpe, operazione invece importante per il corretto sviluppo psico-motorio che, secondo gli esperti, dovrebbe avvenire invece all’età di 4/5 anni.

Lo studio di Avg, societa’ che si occupa di sicurezza su Internet, ha condotto questa indagine su 2.200 madri di 11 Paesi. I risultati, riportati dal quotidiano britannico ‘Oaily Mail’, dimostrano che alle tappe di crescita ‘tradizione’ vanno sostituendosi quelle ‘digitali’. Mentre 7 bambini su 1O d’età compresa tra i 2 e i 5 anni giocano ai videogiochi on line, meno di 2 su 10 sanno nuotare. Troppo impegnati e pigri, i genitori non insegnano ai figli le abilita’ pratiche e fisiche – dall’andare in bicicletta ad allaciarsi da soli le scarpe – e preferiscono che se la cavino da soli davanti a un pc.

Cosi’, secondo i ricercatori, invece di vivere esperienze nel mondo reale i bimbi imitano i ‘grandi’ usando alla perfezione i cellulari e le altre ‘diavolerie’ tecnologiche, a spese del proprio sviluppo sociale e del  benessere fisico. Per Sue Palmer, esperta di sviluppo del bambino, “incoraggiando i piccoli a vivere un’esistenza virtuale” si rischia di compromettere il loro normale sviluppo. “Sono abituati – ha spiegato – alla soluzione rapida e alla facile ricompensa nella comunicazione, e non imparano a investire lo sforzo emotivo necessario nei rapporti reali”.

Quello che serve oggi per uno sviluppo corretto, ha sottolineato l’esperta, “e’ un gioco reale con persone reali”. Il 23 per cento dei bambini coinvolti nella ricerca ha dichiarato di saper usare il cellulare e un quarto di navigare tra i siti web con facilità. Inoltre un bambino su 5 ha sviluppato i suoi sensi tra smartphone e iPad, i due terzi sanno usare il computer e il 73 per cento sa come muovere un mouse. Tanto spigliati nella vita digitale, quanto impacciati con questioni di vita reale: solo il 48 per cento conosce l’indirizzo di casa, un terzo sa scrivere nome e cognome, e 1’11 per cento ha imparato ad allacciarsi da solo le scarpe.


Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media