Cerca

Alimentazione

Obesità: attenti al cibo come premio

Le abitudini al consumo sono cambiate

Con la crisi si rinuncia a frutta e verdura in favore di alimenti altamente calorici
0
Obesità infantile
Con la crisi si rinuncia a frutta e verdura in favore di alimenti altamente calorici

Porti tuo figlio al fast food quando vuoi dargli un premio? Attenzione: associare il cibo molto calorico con il meccanismo di ricompensa può risultare un vero autogol.

Quella che in passato veniva definita la malattia “dei ricchi” oggi si è trasformata nella “malattia dei poveri che vivono nei paesi ricchi”.
Dato che è sempre più costoso fare la spesa al mercato, procurarsi cibi freschi e la frutta e la verdura ha un costo al chilo molto superiore al passato, i nuovi poveri che vivono nelle aree periferiche delle grandi città preferiscono andare al fast food dove il cibo costa meno ed è più facile sfamare una famiglia numerosa.

Ecco come sono cambiati i costumi.

Un tempo le famiglie meno abbienti erano proprio quelle che cucinavano di più in casa e usufruivano meno della ristorazione ma oggi le abitudini al consumo sono completamente cambiate, ai danni della salute.

Come combattere questi nuovi stili di vita?
Se solo fossero installati distributori di acqua potabile nei luoghi di consumo si eviterebbe l’abuso di bevande gassate, altamente caloriche.
Lo dice Francesco Branca esperto italiano di nutrizione pediatrica presso l’Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità), che afferma anche che la regione italiana più colpita dall’obesità è la Campania.


Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media