Cerca

cerco-lavoro

Bobba: "Servizio civile opportunità per giovani, in un anno triplicate presenze"

Bobba: "Servizio civile opportunità per giovani, in un anno triplicate presenze"

Roma, 18 apr. (Labitalia) - "Difficile dire adesso quante sono le domande presentate dai volontari per il servizio civile perchè queste vengono presentate direttamente agli enti regionali, ma posso dire che il numero dei ragazzi complessivamente coinvolti dal servizio civile in un anno è più che triplicato: siamo passati dai 15.000 giovani impegnati in questa esperienza del 2014 ai 50.000 del 2015". Lo dice a Labitalia il sottosegretario al Lavoro e delle Politiche Sociali, con delega al servizio civile nazionale, Luigi Bobba, commentando i bandi per oltre 3.000 volontari che si chiudono mercoledì.

"Con la riforma del Terzo settore, non ancora completata, abbiamo proceduto anche -aggiunge Bobba- a una riforma del sistema di servizio civile, che diventa universale e viene rinnovato. Questo perché tutti i giovani devono poter avere questa opportunità". La riforma del Terzo settore dovrebbe approdare alla Camera per l'approvazione definitiva a maggio.

Quella offerta dal servizio civile è anche un'opportunità di esperienza lavorativa. "Abbiamo scelto, unico Paese europeo, di inserire il servizio civile all'interno del ventaglio di opportunità offerte dal programma Garanzia Giovani. E ad oggi, dall'avvio del programma europeo (1° maggio 2014 ndr), sono circa 9.000 i giovani che hanno fatto un anno di servizio civile finanziato con risorse a valere su Garanzia Giovani".

Insomma, riassume Bobba, "il servizio civile è un'occasione per mettersi in gioco e anche acquisire delle competenze". Infatti, ricorda il sottosegretario, "l'ente che presenta il progetto ha il dovere di fare la selezione dei volontari, poi di erogare un mese di formazione di carattere generale e quindi di accompagnare il giovane nello svolgimento dell'incarico".

Oggi, dunque, il valore del servizio civile è triplice, sostiene Bobba: "C'è un significato tradizionale, di servizio alla propria comunità e al Paese, c'è formazione e impegno del giovane a mettersi alla prova, e c'è acquisizione delle competenze". Il futuro, neanche troppo lontano, riguarderà il servizio civile europeo. "Abbiamo già avuto i finanziamenti - ricorda - per avviare un progetto a tre - Italia, Francia, Inghilterra - che interesserà 150 ragazzi in tutto che potranno vivere l'esperienza della mobilità europea, una sorta di 'Erasmus del servizio civile'".

Non solo. "Abbiamo firmato un protocollo - sottolinea - con il ministro dell'Agricoltura, Maurizio Martina, per la realizzazione di progetti di servizio civile nazionale che impieghino 1.000 giovani in pratiche di agricoltura sociale". I finanziamenti provengono per metà da risorse a carico del bilancio del ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e per metà da risorse relative al 'Piano di attuazione italiano per la garanzia per i giovani', appositamente destinate dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per l'esercizio finanziario 2016.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog