Cerca

cerco-lavoro

Dai campi di nocciole ai vigneti cercasi personale in Piemonte

Dai campi di nocciole ai vigneti cercasi personale in Piemonte

Torino, 27 apr. (Labitalia) - Dai campi di nocciole ai vigneti, all’industria alimentare di semi lavorati e prodotti finiti: sono davvero tanti gli ambiti all’interno dei quali trovano occupazione i lavoratori 'mandati in missione' dall’agenzia per il lavoro Openjobmetis, che si è recentemente dotata di una Divisione specializzata nell’agroalimentare. E soprattutto in Piemonte.

"Questo significa - sottolinea l'agenzia per il lavoro- che, grazie all’intermediazione professionale di Openjobmetis, le aziende attive nella coltivazione, nella predisposizione dei semi lavorati e nell’industria enologica potranno contare su un nuovo attore, che si contraddistingue per attivare personale in modo veloce, flessibile e tutelato in un ambito troppo spesso rovinato dal dilagare del lavoro in nero e dal fenomeno del caporalato".

Le persone che vengono selezionate nelle zone di Alba, Bra, Langhe e Roero, lavorano alla raccolta delle uve e delle nocciole. A partire dal lavoro nei campi sino alle più assortite fasi di lavorazione industriale: si pensi al processo di imbottigliamento, etichettatura e confezionamento per il settore vitivinicolo, fino alla lavorazione delle nocciole per la produzione dolciaria (con le nocciole si fanno creme, farine, granelle e frutti tostati per le industrie che producono, per esempio, torroni, gelati, colombe, spalmabili).

In questo momento di alta stagione, inoltre, particolarmente accesa è l’attività negli agriturismo: "Il vantaggio di rivolgersi a un'agenzia per il lavoro, per realtà come queste, risiede nell’avere un unico interlocutore - spiega - per la ricerca e la selezione del personale per il lavoro nei campi, in sala e nelle camere".

L’area Agroalimentare di Openjobmetis opera nell’interesse e a tutela del lavoratore e dell’azienda, al fine di garantire il rispetto delle normative in materia di lavoro, la completa tutela giuslavoristica, la trasparenza nei costi, percorsi formativi personalizzati e gratuiti per le risorse e a costo zero per le aziende, la possibilità di assumere il lavoratore con contratti giornalieri, mensili o annuali in base alle necessità di lavoro aziendali, e la gestione quotidiana delle pratiche amministrative.

“Troppe volte le cronache ci raccontano di sfruttamenti e irregolarità a danno del lavoratore, situazioni che si ripercuotono anche sull’immagine del datore di lavoro. La somministrazione è invece sinonimo di tutela, trasparenza e formazione professionale, e permette a chiunque abbia le carte in regola di poter intraprendere la propria carriera”, dichiara Rosario Rasizza, amministratore delegato di Openjobmetis.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog