Cerca

toscana/firenze

Terzo settore: formazione professionale per social crowdfunders toscani

Terzo settore: formazione professionale per social crowdfunders toscani

Firenze, 25 lug. (Labitalia) - In Toscana si formano aspiranti social crowdfunders per il Terzo settore. L'iniziativa, sviluppata e sostenuta da Ente Cassa di Risparmio di Firenze e da siamosolidali.it, è mirata alla formazione di 12 nuove figure professionali specializzate nel Terzo settore. Il corso di formazione ha permesso ai giovani partecipanti di acquisire le basi teoriche sul crowdfunding e gli strumenti pratici per la realizzazione di una campagna rivolta al Terzo settore. Tutti i partecipanti hanno sostenuto un esame finale e ricevuto la certificazione in 'Esperto in comunicazione digitale per il No profit'.

Sono stati selezionati i sei giovani più meritevoli, i quali inizieranno un tirocinio retribuito di sei mesi presso le associazioni no profit prescelte, con l’obiettivo di mettere in campo le competenze acquisite. In questo modo, le associazioni coinvolte nel progetto potranno contare su figure già formate e operative, di grande aiuto per lo sviluppo della loro attività sul territorio con la raccolta di risorse.

I ragazzi selezionati e le relative associazioni a cui sono stati abbinati sono: Giacomo Bucciantini (23 anni) Associazione Noi per Voi, Francesco Vitali (26 anni) Cooperativa Margherita Fasolo; Costanza Zaino (28 anni) Fondazione Giovanni Michelucci; Olivia Guardi (32 anni) Made in Sipario Onlus; Stefania Basso (33 anni) Centro Terapeutico Europeo; Giulia Contini (27 anni) Misericordia di Firenze. Il tirocinio, che partirà a settembre, avrà l’obiettivo di portare all’elaborazione di un progetto di crowdfunding e sarà suddiviso in 4 mesi di progettazione e realizzazione e in 2 mesi circa di lancio dell’iniziativa. In questa fase, gli allievi saranno seguiti da tutor specialisti di Impact Hub Firenze, spazio d’innovazione sociale.

Ad Impact Hub Firenze i giovani avranno a disposizione una postazione di co-working e saranno affiancati da sei professionisti esperti di project management, comunicazione strategica, social media e stakeholder engagement. Avranno inoltre la possibilità di entrare in contatto con tutta la community di Hub (oltre 100 membri) da cui attingere per lo sviluppo di idee e la realizzazione effettiva della campagna di crowdfunding.

I progetti saranno disponibili sulla piattaforma di crowdfunding Eppela per un periodo di 40 giorni con tempistiche differenti. Ente CR Firenze finanzierà il 50% di ciascun progetto con un massimo di 10.000 euro. Sarà possibile continuare a seguire il progetto con #socialcrowdfunders su Twitter, oppure attraverso la pagina dedicata a Social Crowdfunders sui siti interni dei partner coinvolti, tra cui www.siamosolidali.it.

Il progetto, realizzato grazie alla collaborazione tra Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Guanxi (azienda partner di Google che aiuta le aziende nella trasformazione dei business), Impact Hub Firenze (che funge da collegamento tra i giovani e le associazioni, si occupa di innovazione sociale e fa parte di una rete internazionale) ed Eppela, la prima piattaforma italiana di crowdfunding reward based (basata sul sistema delle ricompense), giunge così alla seconda fase.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog