Cerca

cerco-lavoro

Servizio civile, ad un anno dalla fine occupato un giovane su due

Servizio civile, ad un anno dalla fine occupato un giovane su due

Roma, 23 nov. (Labitalia) - Dopo un anno dalla fine del servizio civile un giovane su due è occupato. In particolare, il 39,3% lavora e il 12,9% studia e lavora. Un altro 15,2%, invece, studia esclusivamente. Tra i giovani occupati il 61% ha un lavoro continuativo, con contratto. Il 10% di chi ha un lavoro lo ha ottenuto proprio grazie al servizio civile. Il 77% utilizza nel proprio lavoro le competenze apprese nel servizio civile.

E’ quanto emerge dall’indagine Isfol-Inapp “Il Servizio Civile Nazionale tra cittadinanza attiva e occupabilità”, presentata oggi dal sottosegretario al lavoro e delle politiche sociali Luigi Bobba e dal direttore generale di Isfol-Inapp Paola Nicastro.

L’indagine è basata su campione di 1.511 giovani volontari del bando 2013 ( su un totale di 13.375), che hanno svolto il servizio civile nel 2014-15 e che sono stati intervistati a un anno di distanza.

Si tratta nel 67% dei casi di donne. Il 29,1% risiede al Nord, il 21,7% al Centro, il 29,6% nel Sud e il 19,6% nelle Isole. Relativamente ai titoli di studio, il 47% è laureato, il 49% diplomato, il 4% si ferma alla licenzia media.

Il 95% di chi ha fatto il servizio civile ritiene di aver accresciuto le proprie competenze, il 97% rifarebbe la scelta compiuta e il 69% considera il servizio civile importante per la vita professionale.

L’indagine svolta da Isfol-Inapp giunge a ridosso dell’evento che, in occasione del 15mo anniversario della legge istitutiva, vedrà Papa Francesco ricevere il 26 novembre 7.000 volontari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog