Cerca

Cronaca

Uranio: legale soldato malato, 85% militari con tumore mai stato all'estero

0

Roma, 3 ott. (Adnkronos) - "L'85% dei militari che si ammala di tumore non e' mai stato all'estero: l'attenzione deve essere puntata sui vaccini che vengono imposti a chi va in missione". L'accusa e' dell'avvocato Giorgio Carta, oggi in audizione alla Commissione parlamentare d'inchiesta sull'uranio impoverito. Carta, che assiste il caporal maggiore dell'esercito E.S., "in fin di vita dopo due missioni in Kosovo", ha chiesto alla commissione di intervenire per fare in modo che sia "ripristinato il diritto costituzionalmente garantito dall'articolo 32 di non subire trattamenti sanitari non voluti".

"Il presidente della commissione, Rosario Costa -dice Carta al termine dell'audizione- ci ha rassicurato, impegnandosi a chiedere al ministero della Difesa per quale motivo i militari vengano obbligati a vaccinarsi. Uno dei miei assistiti, il maresciallo Luigi Costa, al momento e' indagato dalla procura militare per essersi rifiutato di farsi vaccinare prima di essere assegnato alla missione Strade Pulite, che non ha niente a che vedere con l'estero e con le malattie da uranio impoverito".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media