Cerca

cronaca

"Scuola in rosso", studenti in piazza contro la manovra

17 Novembre 2017

0
"Scuola in rosso", studenti in piazza contro la manovra

Roma, 17 nov. (AdnKronos) - Studenti in piazza in tutta Italia contro una scuola e un'università 'in rosso'. Organizzata dall"Unione degli Universitari' e dalla 'Rete degli Studenti Medi' in occasione della Giornata mondiale dello studente, la mobilitazione nazionale studentesca è partita questa mattina con cortei nelle principali città italiane e proseguirà nel pomeriggio con assemblee di piazza insieme ai lavoratori. Da Milano a Palermo, passando per Torino, Bologna e Napoli, gli studenti di tutto il Paese scendono in piazza con gli "Stati generali dello sfruttamento" per protestare contro i tagli all'istruzione e chiedere la tutela del diritto allo studio ed una formazione di qualità. A Roma gli studenti hanno dato il via alle mobilitazioni manifestando in mutande davanti alla Piramide Cestia, "per denunciare il sotto finanziamento dell'istruzione", per poi sfilare in corteo e infine riunirsi a Piazza Montecitorio alle ore 15. Tra le richieste degli studenti italiani vi sono maggiori finanziamenti per l'istruzione pubblica da inserire nella prossima Legge di Bilancio e un'alternanza scuola-lavoro che garantisca "percorsi di qualità e totalmente gratuiti per gli studenti". "Con le mobilitazioni di oggi apriamo una settimana di mobilitazione in tutta Italia contro lo sfruttamento degli studenti in alternanza scuola-lavoro", dichiara Francesca Picci, coordinatrice nazionale dell’Unione degli Studenti, "Oggi anche gli universitari sono in piazza in tutt'Italia contro una legge di stabilità priva dei necessari investimenti in università e ricerca", aggiunge Andrea Torti, Coordinatore nazionale di Link Coordinamento universitario. Le mobilitazioni culmineranno il 24 novembre nuovamente con cortei in tutto il Paese.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media