Cerca

cronaca

Abusi e violenze: gli orrori di Forteto

23 Dicembre 2017

0
Abusi e violenze: gli orrori di Forteto

Firenze, 23 dic. - (AdnKronos) - La comunità agricola 'Il Forteto', attiva nel comune di Vicchio, in Mugello, provincia di Firenze, fu creata nel 1977 da Rodolfo Fiesoli e Luigi Goffredi. L'obiettivo era quello di dar vita a una comunità produttiva e alternativa alla famiglia tradizionale, tanto che Fiesoli bandisce i rapporti eterosessuali. Ben presto alla comunità del Forteto arriveranno in affido giudiziario anche minori con situazioni familiari problematiche. E per molti ragazzi, come hanno accertato le inchieste giudiziarie, quella cooperativa agricola si rivelò una comunità-setta degli "orrori". Inizialmente composta da 33 giovani, la comunità nel corso degli anni è cresciuta fino a diventare un'importante realtà economica del Mugello. Ma, per le inchieste giudiziarie che l'hanno vista coinvolta, le cronache hanno parlato di comunità-setta e comunità-lager.

Nel 1978 Rodolfo Fiesoli, conosciuto come "il profeta" della comunità, fu arrestato per violenza sessuale, corruzione di minorenne e maltrattamenti. Restò in carcere per quasi tre mesi per violenza sessuale e maltrattamenti. Con lui venne processato anche Goffredi.

Nel 2000 la Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo condanna l'Italia per l'affidamento di due minori al Forteto, strappati alle cure della madre.

Il 22 dicembre 2011 Fiesoli viene arrestato di nuovo con l'accusa di violenza sessuale e maltrattamenti. L'inchiesta parte dalle denunce di decine di persone accolte al Forteto. Nelle indagini furono coinvolti molti collaboratori del "profeta".

Nel 2013 la Procura di Firenze chiede e ottiene il rinvio a giudizio per 23 componenti del Forteto, Fiesoli compreso. Nell'ottobre 2013 iniziò il processo a Fiesoli e agli altri componenti della comunità.

In contemporanea il Consiglio regionale della Toscana ha istituito una commissione d'inchiesta (presiedente da Stefano Mugnai di Forza Italia) per far luce sui motivi degli abusi perpetrati nella comunità a cui sono stati affidati numerosi minori nel corso degli anni. Una seconda commissione regionale d'indagine (presieduta da Paolo Bambagione del Pd) ha svolto il suo lavoro nel 2016.

Il 17 giugno 2015 il Tribunale di Firenze ha condannato Fiesoli a 17 anni e mezzo di reclusione per maltrattamenti e abusi sessuali su minori. Con la stessa sentenza, il Tribunale ha condannato altri 14 imputati: tra di essi, Luigi Goffredi a 8 anni, considerato "l'ideologo" della comunità-setta, e Daniela Tardani a 7 anni, entrambi stretti collaboratori di Fiesoli. Sette le assoluzioni in primo grado.

Il 15 luglio 2016 la Corte d'Appello di Firenze ha condannato Fiesoli a 15 anni e 10 mesi di reclusione, mentre Goffredi è condannato a 6 anni di reclusione. Per entrambi le pene erano state ridotte per la prescrizione delle accuse per alcuni episodi contestati. Condanne ridotte anche per gli altri 8 imputi, 6 gli assolti.

Tra gli assolti Stefano Pezzati, ex presidente della cooperativa agricola Forteto, che in primo grado aveva invece avuto 4 anni e mezzo, l'ex presidente dell'associazione 'Il Forteto' Silvano Montorsi, a cui il Tribunale aveva inflitto una pena di 3 anni e mezzo, e Stefano Sarti, che aveva avuto 3 anni. Pena ridotta da 7 a 3 anni e due mesi a Daniela Tardani.

Il 22 dicembre 2017 la Corte di Cassazione ha emesso la sentenza definitiva per Fiesoli, che oggi è stato arrestato. Per Goffredi è scattata la prescrizione.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media