Cerca

emilia-romagna

Rifiuti, Roma col fiato sospeso Emilia: "Risposta entro 48 ore"

29 Dicembre 2017

0
Rifiuti, Roma col fiato sospeso Emilia: "Risposta entro 48 ore"

Bologna, 29 dic. (AdnKronos) - "Per quanto riguarda la questione rifiuti, stiamo facendo le verifiche con i territori perché non decidiamo da Bologna e dalla Regione da soli ma col resto dell'Emilia Romagna, indipendentemente dai toni che si usano". A dichiararlo è il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, nel corso dell’incontro con la stampa per la fine dell’anno, in relazione alla richiesta, avanzata dal Lazio, di smaltire una quota dei rifiuti della Capitale. 

"Ho apprezzato molto l'educazione istituzionale e l'appello del presidente Zingaretti rivolto a tutte le Regioni. Ho visto che oggi la sindaca Raggi dice 'abbassiamo i toni'. Io dico benvenuta, era ora. Apprezzo che abbia corretto i toni utilizzati qualche giorno fa", dopodiché, conclude Bonaccini, "nel giro massimo di 48 ore daremo una risposta e, nel caso fosse positiva, si tratterà di piccole quantità e per pochissimo tempo, come ci siamo comportati con Liguria e Puglia".

Stamattina la sindaca di Roma sulla questione rifiuti ha invitato "tutti alla responsabilità istituzionale, in questo momento serve calma - ha detto - non si devono alzare toni perché le polemiche alimentano una strumentalizzazione che su un tema così delicato non fanno bene né a Roma né ai romani". Raggi ha risposto a chi le chiedeva un commento sulle dichiarazioni del governatore dell'Emilia Romagna che ieri ha definito "arroganti" gli atteggiamenti della sindaca.

"Roma sta facendo la sua parte - ha sottolineato Raggi - sappiamo tutti che Ama non è ancora autonoma come sappiamo che il Lazio ha un sistema dei rifiuti che per anni si è basato su Malagrotta e quindi dopo la chiusura la Regione è sottodimensionata. Da amministratore io ho dato indirizzo alla mia azienda di mettere in sicurezza la situazione dei rifiuti nella Capitale quindi Ama a ottobre ha chiesto alla Regione di essere autorizzata a mandare i rifiuti fuori regione per prevenire le criticità che nel periodo natalizio sono purtroppo ordinarie".

"La Regione Lazio ha autorizzato l'invio di una parte dei rifiuti in Toscana ma purtroppo la procura ha sequestrato due impianti e la Regione Toscana ha dovuto chiudere le porte all'esterno - ha proseguito - Quindi in ossequio alla legge e in base al principio di prossimità Ama e la Regione Lazio hanno fatto richiesta all'Emilia Romagna. So che stanno trattando, noi siamo stati grati al governatore della Toscana per la sua apertura e saremo grati al governatore dell'Emilia Romagna se vorrà supportare la Regione Lazio. Faccio un richiamo alla responsabilità istituzionale e ad abbassare i toni, io non ho fatto polemica e non intendo farla".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media