Cerca

dati

Cna: nelle pmi tra gennaio e ottobre occupazione +3%

Cna: nelle pmi tra gennaio e ottobre occupazione +3%

Roma, 20 nov. (Labitalia) - Due buone notizie. Le micro e piccole imprese continuano ad assumere. E calano le cessazioni dal lavoro. Tra gennaio e ottobre l’incremento dell’occupazione è stato pari al 3%. E tra settembre e ottobre si è registrata una crescita dello 0,5%. Aumento delle assunzioni e riduzione delle cessazioni hanno condotto a un risultato di cui le piccole imprese possono andare orgogliose. Nel periodo gennaio-ottobre le assunzioni sono cresciute del 3,3% con una corrispondente diminuzione del 4% sul fronte delle cessazioni. Lo rileva l’Osservatorio mercato del lavoro, curato dal Centro studi della Cna, che analizza mensilmente l’occupazione in un campione di 20.500 Mpi, che danno lavoro a 125mila dipendenti.

Quest’anno le Mpi non arretrano nemmeno di fronte all’autunno che, tradizionalmente, costringeva a segnare il passo. Nei primi dieci mesi del 2014 l’occupazione era aumentata solo dell’1,3%. E le Mpi continuano a preferire il lavoro stabile. Il tempo indeterminato rimane saldamente il contratto leader. A ottobre è applicato a più di otto lavoratori su dieci (82,2%), ai quali vanno aggiunti gli apprendisti, che sono il 6,3% degli occupati. Il 9,7% è costituito da contratti a tempo determinato; l’1,8% rientra tra le 'altre forme' contrattuali. Complessivamente, le tipologie di contratti non a termine (tempo indeterminato più apprendistato) coprono l’88,5% della platea di occupati, quasi tre punti in più dell’85,6% registrato dall’Istat sull’intero sistema produttivo.

Il buon momento dell’occupazione nelle Mpi è alimentato dall’avvio della crescita. Lo dimostra il calo a due cifre delle cessazioni nei mesi di settembre e di ottobre: -17,2 e -14,3% rispetto ai corrispondenti mesi del 2014. Sulle dinamiche occupazionali hanno pesato in maniera determinante le misure varate dal governo per rendere meno rigido il mercato del lavoro: il decreto Poletti, il dl 167 sull’apprendistato, la legge di stabilità, il decreto attuativo 23/105 del Jobs Act.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog