Cerca

dati

Adecco: 1 giovane su 2 insegue propria passione nel lavoro

Adecco: 1 giovane su 2 insegue propria passione nel lavoro

Roma, 24 nov. (Labitalia) - La passione muove ancora le scelte di studio dei giovani italiani. Quasi un ragazzo su due (47%) tra i 16 e 25 anni sceglie un determinato percorso di studi perché spinto dall’interesse e dalla passione per le materie che andrà a intraprendere. Il 26% decide in funzione dei propri obiettivi professionali e per il 17% la via è indicata dai genitori. Questi sono solo alcuni dei dati emersi da un’indagine Adecco - società leader al mondo e in Italia per la gestione delle risorse umane - che ha analizzato le ambizioni di 829 giovani.

Spesso il lavoro della propria vita è quello che permette di ottenere stabilità economica, opinione condivisa dalla maggior parte dei giovani. Per l’11% 'guadagnare molti soldi' è il principale obiettivo, anche se lo stimolo di crescita e il piacere nel fare la propria professione rimangono i valori e le ambizioni trainanti rispettivamente per il 47 e 30% degli intervistati. I ragazzi vedono nella voglia di imparare, nella determinazione e nel senso di responsabilità le prime tre attitudini più importanti per trovare il lavoro al quale si ambisce, ma, incredibilmente, pongono la conoscenza dell’inglese al 17° posto, fattore che precede di una sola posizione la cura del proprio aspetto.

L’economia è il settore di studio che attrae il 14% dei giovani intervistati, seguito dall’ingegneria industriale e dell’informazione (11%) e dalle scienze matematiche, informatiche e tecnologiche, prima scelta per l’8% dei ragazzi. Le materie umanistiche (scienze storiche, filosofiche, psicologiche) e artistiche rappresentano la scelta di studio, e di vita, per il 6% delle persone comprese tra i 16 e i 25 anni.

“La voglia di imparare, di mettere passione e ricevere stimoli dai propri studi e dal proprio lavoro - commenta Andrea Malacrida, amministratore delegato Adecco Italia - non può che farci guardare al futuro con ottimismo. Al contempo, emerge dalla ricerca uno scollamento dalla quotidiana realtà lavorativa e l’idea che molti giovani, negli anni di studio, si fanno del mondo del lavoro".

"Il tema della conoscenza della lingua inglese, percepita ancora come skill di secondo piano, ne è un esempio lampante. Istituzioni e società come Adecco hanno la possibilità e il dovere di aiutare i ragazzi a ricalibrare già in giovane età alcuni elementi della propria formazione che diventeranno poi fondamentali nell’effettiva ricerca della propria professione”, sottolinea.

Il lancio di questa ricerca coincide con l’avvio di 'The Questions', l’iniziativa che - inserita nel progetto #diamolavoroalleambizioni - ha l’obiettivo di mettere in contatto studenti e ragazzi in cerca di un’occupazione con giovani che, grazie ad Adecco, sono inseriti nel mondo del lavoro.

Tre giovani 'ambassador' - Fiorella, Luca e Federico - fino al 23 dicembre saranno a disposizione di tutti i ragazzi per rispondere a domande e curiosità sul mondo del lavoro. Sarà possibile interagire con i 3 ambassador attraverso il portale ambassadors.adecco.it e tramite la tab presente sulla pagina Facebook Adecco Italia. Tra coloro che faranno una domanda, inoltre, saranno estratti tre vincitori che si aggiudicheranno un Work Kit del valore complessivo di 600 euro l’uno.

“Talvolta i giovani si interfacciano con un mondo del lavoro che non parla la loro stessa lingua - ammette Andrea Malacrida - e del quale, per questo, non vengono percepiti elementi che possono rivelarsi molto importanti".

"Abbiamo progettato e realizzato 'The Questions' per mettere a disposizione di studenti o ragazzi ancora inoccupati l’esperienza di chi ha già compiuto il grande salto nel mondo del lavoro e che può certamente chiarire dubbi e incertezze a chi ancora deve intraprendere il proprio percorso”, conclude.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog