Cerca

dati

Invitalia: firmata intesa 'Sweet Campania' per potenziare filiera dolciario

Invitalia: firmata intesa 'Sweet Campania' per potenziare filiera dolciario

Roma, 30 nov. (Labitalia) - E' stato siglato a Roma l'accordo, denominato Sweet Campania, che si pone l'obiettivo di elevare gli standard di produzione, confezionamento e conservazione dei prodotti dell'industria dolciaria in Campania. A firmare l'intesa Domenico Arcuri, ad di Invitalia, assieme numerosi manager dell'area: l'obiettivo - si spiega in una nota di Invitalia è giungere entro la fine del 2017 all'ampliamento degli stabilimenti delle otto aziende che hanno firmato il documento, a Castel San Giorgio, Pagani, Cava de’ Tirreni, Striano e Nocera Superiore, per un investimento complessivo di 47,1 milioni di euro, di cui 26 concessi da Invitalia. L'accordo prevede a regime oltre 120 nuovi posti di lavoro e include anche un finanziamento di 2,6 milioni di euro per un progetto di ricerca che punta a migliorare le qualità organolettiche e nutrizionali dei prodotti, a realizzare dolci con basso contenuto di grassi e a produrre materiali ecosostenibili per gli imballaggi alimentari.

"Il contratto che abbiamo firmato oggi – ha dichiarato Domenico Arcuri, amministratore delegato di Invitalia – conferma l'attenzione che rivolgiamo ai progetti di crescita dell'agroalimentare, uno dei settori portanti dell'economia italiana. Con gli incentivi del contratto di sviluppo, l'agenzia continua a sostenere, soprattutto al sud, le imprese che puntano a modernizzare i sistemi di produzione e ad innovare per competere meglio sui mercati nazionali e internazionali".

"La storia delle aziende partecipanti al contratto di sviluppo 'Sweet Campania' - ha commentato Bruno Sabato, amministratore della società San Giorgio, soggetto capofila - evidenzia l'estrema utilità della finanza agevolata quando consente di sviluppare progetti di investimento da parte di aziende valide situate nelle aree depresse". "Gli incentivi, per le aziende del contratto e in particolare per la San Giorgio, sono stati una spinta che ci ha consentito di incrementare negli ultimi 6 anni il nostro fatturato del 15% all'anno e di raddoppiare, nello stesso periodo, i nostri dipendenti" ha concluso Sabato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog