Cerca

dati

Reichlin, dati Istat segnalano ripresa ma in quadro globale incerto

Reichlin, dati Istat segnalano ripresa ma in quadro globale incerto

Roma, 1 dic. (Labitalia) - "L'Istat con i dati su Pil e occupazione di oggi, non ci segnala grandi novità. Forse non c'è da essere particolarmente ottimisti, ma la ripresa c'è, anche se in quadro globale molto incerto. E dunque è una ripresa da consolidare". Così Pietro Reichlin, economista e docente alla Luiss, commenta con Labitalia i dati diffusi oggi dall'Istituto di Statistica.

"Per quanto riguarda il mercato del lavoro -aggiunge Reichlin- c'è qualche segno incoraggiante, accompagnato però dalla crescita degli inattivi". Un fenomeno, quello delle persone che non hanno e non cercano lavoro, che però, spiega il professore "va visto come dato di lungo periodo".

"Basti vedere quello che sta succedendo negli Usa: anche con una forte ripresa la partecipazione al mercato del lavoro è più bassa che negli anni '50", ricorda Reichlin che ribadisce: "L'andamento degli inattivi è una tendenza di lungo periodo su cui incidono una molteplicità di fattori, tra cui anche il cambiamento demografico della popolazione".Per quanto riguarda il Pil, spiega Reichlin "anche se le stime preliminari erano un po più alte e davano una crescita tendenziale dello 0,9%, non stupisce il dato dello 0,8%".

Nel periodo intercorso tra le due stime, spiega l'economista "sono successe alcune cose, tra cui soprattutto un rallentamento globale nell'ambito del commercio mondiale. E i Paesi emergenti hanno frenato".Ma ci sono state anche cose positive "come la crescita della domanda interna", conclude Reichlin.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog