Cerca

dati

Unioncamere: agli italiani piace la bancarella, +22mila dal 2012

Unioncamere: agli italiani piace la bancarella, +22mila dal 2012

Roma, 7 dic. (Labitalia) - Oltre 22mila 'bancarelle' in più in tre anni e mezzo e 2.200 'negozi' in meno. E’ il quadro che emerge dall’analisi dei dati del Registro imprese, realizzata da Unioncamere e InfoCamere e aggiornata al 30 giugno. Il dato conferma ciò che appare evidente attraversando le nostre città: agli italiani i 'mercatini' piacciono. Soprattutto se, grazie a un commercio di prossimità, possono acquistare prodotti tessili, abbigliamento e calzature, ma anche prodotti per la casa, fiori e piante, piccoli elettrodomestici o materiale elettrico. E magari togliersi qualche 'sfizio' a prezzi contenuti, comprando bigiotteria o profumi e cosmetici.

Stando al bilancio fornito dall’anagrafe delle imprese, in questi tre anni e mezzo il commercio ambulante nel suo complesso è aumentato del 12,8%, grazie soprattutto ai prodotti non legati all'alimentare e all'abbigliamento. A livello territoriale, performance interessanti sono state realizzate in Campania, Lombardia, Lazio, e Sicilia.

Il vero e proprio ‘boom’, quindi, lo hanno registrato le imprese del commercio ambulante di 'altri prodotti' (divisione che al suo interno comprende la vendita di fiori, bigiotteria e casalinghi), aumentate di quasi il 40% fino a raggiungere le 66.375 unità a fine giugno scorso.

Molto più contenuto, invece, l’aumento delle 'bancarelle' tradizionali legate al tessile, abbigliamento e calzature: +5% tra il 31 dicembre 2011 e il 30 giugno 2015, per complessive 76.201 unità.

La probabile concorrenza di iper e supermercati si è fatta sentire invece sul segmento alimentare, diminuito dello 0,5% nel periodo e stabilizzatosi a fine giugno sulle 35.828 imprese.

L’analisi provinciale tra fine 2011 e fine giugno 2015 evidenzia che, in valore assoluto, a crescere di più sono state le imprese del commercio ambulante di Napoli: +4.191, pari al +40%. A distanza Roma, con 2.547 imprese in più (+26,2%), e Milano con +2.256 (+34%). In termini percentuali, alle spalle di Napoli si posizionano Palermo (+36,2% pari a +2.009 imprese) e di nuovo Milano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog