Cerca

dati

PageGroup: solo in 2 aziende su 5 politiche Diversity&Inclusion

PageGroup: solo in 2 aziende su 5 politiche Diversity&Inclusion

Roma, 10 dic. (Labitalia) - Per due aziende su cinque le politiche di Diversity & Inclusion sono gestite da meno di tre anni. A rivelarlo è una ricerca nazionale di PageGroup, condotta su un campione di 1.202 intervistati, di cui 372 impiegati in società dove sono applicate queste politiche. “Si tratta di un fenomeno nuovo - dice Tomaso Mainini, managing director di Michael Page Italia - dove c’è ancora molto da fare, soprattutto nelle aziende di dimensioni minori. Un aspetto che abbiamo deciso di approfondire per dare una fotografia di quale sia la situazione in Italia rispetto a un argomento delicato, ma fondamentale per il benessere dei luoghi di lavoro che sappiamo essere decisivo, e questa indagine lo dimostra, sulla motivazione e sulla produttività dei manager e dei dipendenti in generale”.

Dalla ricerca risulta, infatti, che l’82,5% delle aziende con meno di cento dipendenti non applica pratiche di Diversity & Inclusion. Gli ostacoli allo sviluppo di queste attività sono: la convinzione che non si tratti di tematiche rilevanti per l’azienda nel 39,6% dei casi (54,2% per aziende con meno di cento dipendenti); la mentalità del dipendente e in particolare la non accettazione di determinati gruppi di persone per il 37,1%; uffici non adatti a ospitare personale con disabilità per il 27,5%.

Al contrario, le principali motivazioni per l’attuazione di politiche di diversity nelle aziende sono l’adattamento alle imposizioni legali per il 74,2% degli intervistati e ragioni etiche per il 67,4%. Il 62,9% delle donne ritiene che sia importante la ricezione di finanziamenti, mettendo quindi in primo piano l’aspetto economico.

Sugli ambiti per cui sono state applicate politiche di Diversity & Inclusion nelle aziende in cui queste sono attive (campione 372 dipendenti), il 60,2% ha indicato il genere come area su cui queste pratiche sono state prevalentemente realizzate (il 68,2% per le aziende con più di mille dipendenti); a seguire, la nazionalità per il 59,1%, la razza per il 53,5% e l’età per il 49,5%. Proprio l’età è l’ambito per il quale il 36,2% dei dipendenti pensa che sia più necessario implementare pratiche di Diversity perché ancora troppo spesso oggetto di discriminazione.

Tra le principali attività svolte dalle aziende, il 38,7% degli intervistati ha indicato la promozione dell’uguaglianza tra uomini, donne e razze. Al secondo posto troviamo con il 28% contratti e orari flessibili per consentire di conciliare vita privata e professionale. Infine, con il 26,9% le politiche per evitare la discriminazione sessuale, ad esempio durante il processo di selezione o sul posto di lavoro. Dall’indagine emerge anche una panoramica sulle caratteristiche che un manager dovrebbe avere per gestire al meglio un team di lavoro eterogeneo. Per il 55,2% degli intervistati la capacità più apprezzata è l’ascolto attivo. Una risposta che accomuna uomini e donne, di età compresa tra 25 e 50 anni.

“Essere presenti per il proprio team e quindi essere pronti all’ascolto - dichiara Francesca Contardi, managing director di Page Personnel - può davvero fare la differenza. Mantenere un canale di comunicazione aperto crea un ambiente di lavoro più sereno e piacevole. E’ importante che il manager sia disponibile ad ascoltare, sciogliere dubbi e dare consigli; in questo modo sarà più semplice anche venire a conoscenza di problemi e risolverli tempestivamente".

"E’ fondamentale, in altre parole, che tutti i membri del team si sentano ascoltati e trovino nel proprio manager un alleato che possa aiutarli nelle situazioni difficili e che dia loro tutte le risposte di cui hanno bisogno”, conclude.

A seguire, si trovano identificazione dei punti di forza e debolezza (47,3%), la capacità di lavorare con team differenti per cultura, usi e costumi (41%), la capacità di comunicare (33%), di identificare le criticità (33%) e di risolvere i conflitti (30,9%). Leggermente meno importanti sono, infine, l’empatia (26,1%) e la capacità di apprendere dagli altri (18,8%).

Infine, un dato positivo quanto indicativo: il 58,3% delle persone intervistate esprime soddisfazione riguardo alle pratiche di diversity. Nello specifico, gli ambiti in cui sono stati percepiti maggiormente i benefici delle policy attuate sono il miglior equilibrio tra vita professionale e privata (28%), la maggior soddisfazione al lavoro (27,7%) e il miglioramento dell’employer branding (20,7%).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog