Cerca

lazio/roma

Treviso combatte la crisi con un presepe da guinness solidarietà

Treviso, 11 dic. (Labitalia) - A Treviso, la crisi si combatte con un presepe vivente da guinness di solidarietà. Con oltre 300 figuranti e un ricco calendario di iniziative durante tutta la giornata di domenica 13 dicembre, Treviso si prepara ad accogliere, dalle 10 alle 18, un presepe vivente che ambisce a vincere il Guinness World Record 2015, strappando il titolo a Provo, nello Utah (Stati Uniti), che lo ha ottenuto nel 2014.

L’iniziativa, promossa e organizzata da associazioni e realtà trevigiane, sotto la guida della onlus 'Veneti schiacciati dalla crisi' e dalla sua presidente Mirella Tuzzato, non avrà però come obiettivo principale la visibilità e lo spettacolo: l’intento più importante è, infatti, quello di raccogliere offerte da far confluire nel Fondo dei veneti schiacciati dalla crisi.

Il Veneto, infatti, secondo uno studio del Link Campus University, è la regione italiana più colpita dal fenomeno dei suicidi per motivi economici: dal 2012 al 2014 si è registrato il 17,7% del totale dei suicidi per crisi economica. Il presepe da guinness sarà, quindi, realizzato con il sostegno della Provincia e del Comune di Treviso.

Ci si potrà 'immergere' nel clima della rappresentazione della natività, incontrando lungo i percorsi che condurranno alla capanna e alla Sacra famiglia artigiani dediti agli antichi mestieri, pastori con un gregge di pecore e gli asini, arcieri e cori. Fino ad incontrare San Giuseppe, Maria e Gesù accanto alla chiesetta di San Giovanni di Dio, nel Parco Sant’Artemio: nel corso della giornata si alterneranno 8 figuranti che interpreteranno la Madonna, 3 per San Giuseppe e 6 per il bambinello.

Tutti coloro che visiteranno il presepe, alla fine del percorso che si concluderà all’ingresso della sede provinciale, saranno invitati a contribuire con un’offerta libera per sostenere il Fondo dei veneti schiacciati dalla crisi. A questo invito, il più importante, se ne affianca un altro: quello di raggiungere la manifestazione portando con sé una lanterna che consentirà di apprezzare meglio la rappresentazione, ideata nel rispetto dei valori e delle usanze di duemila anni fa, e quindi priva di luminarie e di effetti speciali, e di contribuire a creare una scenografia ancor più suggestiva.

Due persone imparziali verificheranno che tutte le linee guida del Guinness World Records siano state rispettate, fornendo testimonianze, prove fotografiche e prove video al Management Team Records. E quindi si attenderà il responso ufficiale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog