Cerca

dati

Vacanze rovinate? No problem con lettera reclamo

Vacanze rovinate? No problem con lettera reclamo

Roma, 31 mar. (Labitalia) - Lettera di reclamo. Questa l'arma per contrastare una 'vacanza rovinata'. Parola di Massimiliano Dona, segretario generale dell’Unione nazionale consumatori (Unc). “Come ogni anno -afferma- al termine delle vacanze di Pasqua, le nostre scrivanie sono invase dalle segnalazioni di viaggiatori che hanno subito disservizi turistici”. “Ritardi aerei, strutture alberghiere inadeguate e bagagli smarriti -fa notare- sono solo alcuni dei disagi più comuni denunciati dai consumatori. Questi imprevisti trasformano spesso momenti di gioia e relax in veri i propri incubi”.

“Il termine ‘vacanza rovinata’, usato per identificare il danno corrispondente al disagio psico-fisico subito dal turista -avverte- per non aver goduto pienamente delle proprie ferie, è ormai riconosciuto da anni come il diritto a ottenere un risarcimento nel caso in cui negligenze o ritardi non abbiano consentito di godere appieno delle proprie vacanze”.

“E’ bene ricordare -prosegue Massimiliano Dona- che, una volta rientrati a casa, si hanno 10 giorni lavorativi per inviare un reclamo con richiesta di rimborso a mezzo lettera raccomandata a.r. indirizzata all’agenzia di viaggi, al tour operator e per conoscenza alla nostra Unione nazionale consumatori". "Inoltre -rimarca il segretario generale di Unc- è sempre bene conservare il catalogo, la documentazione di viaggio e tutto ciò che può dimostrare gli eventuali disservizi, in particolare se si tratta di un viaggio tutto compreso”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog