Cerca

dati

Ag.Entrate-Assilea: in 2015 mercato immobiliare non residenziale stabile

Ag.Entrate-Assilea: in 2015 mercato immobiliare non residenziale stabile

Roma, 25 mag. (Labitalia) - Mercato immobiliare stabile per il settore non residenziale italiano nel 2015. E' quanto emerge dai dati del Rapporto Immobiliare non residenziale dell’Agenzia delle Entrate e di Assilea, presentati oggi, secondo cui il comparto non residenziale mostra un andamento piuttosto invariato ma diversificato, con le vendite di capannoni in calo del 3,5%, quelle dei negozi che invece registrano un aumento del 2,7% e gli uffici che chiudono l’anno con un -1,7%. I contratti di leasing consolidano la forte crescita del 2014 assestandosi su 4 miliardi di euro di valore.

Prosegue anche nel 2015 la tendenza all’aumento delle compravendite di negozi, seppur in misura minore rispetto all’anno precedente (+2,7%), passando da 22.271 a 22.869 transazioni. Tra le macro aree territoriali, quella con i dati peggiori è sicuramente il Nord-Est, che perde lo 0,8%, mentre le altre zone mostrano dati piuttosto omogenei, con incrementi che oscillano tra il +2,7% del Nord-Ovest e il +4,3% del Centro, passando per il +3,3% del Sud e il +4% delle isole.

A livello regionale, la Lombardia, che da sola rappresenta quasi un quinto del mercato nazionale, stabilizza il forte incremento del 2014 con un dato comunque positivo (+1,5%), mentre un significativo balzo in avanti, tra le regioni di maggior peso, si rileva nel Lazio (+6,4%) e in Toscana (+6,2%). Sul fronte delle grandi città, registrano dati molto positivi Verona (+31,6%), Palermo (+23,9%), Venezia (+22,7%) e Firenze (+21,8%). A livello nazionale, la quotazione media di riferimento è stata di 1.640 euro/mq, in calo del 2,7% rispetto alla quotazione media del 2014.

Con 8.662 transazioni registrate nel 2015, il comparto degli uffici perde l’1,7%, segnando il decimo calo annuale consecutivo. Tra le macro aree l’andamento è abbastanza disomogeneo, con il Sud e il Nord-Est che perdono rispettivamente il 12,8% e l’8,3%, mentre il centro e le isole guadagnano poco più dell’8%; il Nord-Ovest, che resta l’area nella quale si concentra la quota maggiore di compravendite di uffici, segna un lieve aumento dello 0,6%. Milano è risultata la città che ha totalizzato più transazioni (850), con un incremento del 35,3%. In positivo anche la maggior parte delle altre metropoli, con significative crescite a doppia cifra, ad eccezione di Bari, Bologna e Genova, che mostrano invece segni di sofferenza.

La quotazione media annuale di riferimento risulta pari a 1.456 euro/mq, in diminuzione del 2% rispetto al 2014. Il Lazio continua ad essere la regione con la quotazione media più elevata, con 2.264 euro/mq, in calo del 4,3% rispetto al 2014; seguono la Liguria, stabile a circa 2.090 euro/mq e la Valle d’Aosta (1.900 euro/mq). Dopo il rialzo del 2014, nel settore dei capannoni ricompare il segno meno, con 9.300 transazioni e una perdita del 3,5%. Dalla distribuzione del mercato per regione spicca la Lombardia, che rappresenta quasi il 28% del totale degli scambi nazionali, seguita da Veneto, Emilia Romagna e Piemonte. Le regioni del Nord mostrano quasi tutte (ad eccezione del Friuli Venezia Giulia) tassi negativi, così come il Sud; crescono invece le compravendite nelle isole (+6,7%) e nelle regioni del Centro (+6,6%).

Diminuisce la quotazione media nazionale, che perde l’1,7% e si assesta a 516 euro/mq. Il calo interessa tutte le aree geografiche del Paese, con la flessione più accentuata al centro (-3,5%). Nel 2015 il valore di scambio stimato per i tre settori ammonta complessivamente a 13,5 miliardi di euro, +7,3% rispetto all’anno precedente, recuperando così circa un miliardo: un incremento che prosegue e migliora il rialzo osservato nel 2014, quando si era osservato un recupero più modesto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog