Cerca

dati

Ag.Entrate-Assilea: leasing immobiliare non residenziale vale 4 mld

Ag.Entrate-Assilea: leasing immobiliare non residenziale vale 4 mld

Roma, 25 mag. (Labitalia) - Il leasing immobiliare non residenziale si consolida su un valore di 4 miliardi di euro, ma con un andamento differenziato fra i settori. Il 2015, scontando la forte accelerazione dell’anno precedente dovuta alla ridefinizione della durata fiscale del leasing, registra un segno negativo sia nel numero di contratti (-1,1%) sia nel valore finanziato (-4,7%). E' quanto emerge dai dati del Rapporto Immobiliare non residenziale dell’Agenzia delle Entrate e di Assilea presentati oggi.

La recente introduzione nel 2016 della norma sul leasing immobiliare abitativo e l’elevato numero di potenziali clienti (oltre un milione di soggetti con rata bancabile senza una prima casa) può rappresentare l’opportunità per un ulteriore rilancio del settore per l’anno in corso.

Le statistiche Assilea evidenziano che il valore dello stipulato dell’immobiliare 'costruito' è stato ogni mese, escluso marzo, di un ammontare maggiore rispetto all’immobiliare 'da costruire'. Quest’andamento ha determinato un peso del primo settore del 65,9%, quasi doppio rispetto a quello del secondo (34,1%).

Per quanto riguarda il 'costruito' si registra una leggera diminuzione del peso dell’immobiliare di valore compreso tra 0,5 e 2,5 milioni di euro (-0,3 punti percentuali) e di quello superiore a 2,5 milioni di euro (-0,9 p.p.), che da solo supera da solo il 30% dello stipulato non residenziale. Nel settore 'da costruire', si mostrano in controtendenza il segmento di importo inferiore al mezzo milione di euro (+0,2 p.p.) e quello di importo compreso tra 0,5 e 2,5 milioni di euro (+1,1 p.p.).

Guardando alla tipologia di immobile, nel 2015 si evidenzia la contrazione dei valori finanziati nel segmento degli immobili industriali, commerciali e a uso ufficio con variazioni rispettivamente pari al -8,4%, -9,4% e -38,4% e il contestuale aumento del valore erogato per il finanziamento degli immobili locati al settore pubblico (+134,6%) e degli alberghi e centri ricreativi (+212,7%). Nel comparto industriale il forte incremento porta il taglio medio finanziato a oltre 1 milione di euro. Cresce l’incidenza del numero di contratti leasing su immobili commerciali, che va a pesare più del 30% sullo stipulato leasing immobiliare del 2015.

Nel primo quadrimestre del 2016 si segnalano risultati positivi rispetto allo stesso periodo del 2015 per quanto riguarda il numero di contratti stipulati (+4%), ma leggermente negativi per il valore di stipulato (-4,9%) interamente ascrivibile alla contrazione del segmento 'da costruire'. Particolarmente positiva la dinamica del segmento 'costruito' con un +5,85% nel numero e +3,81% nel valore. Positive le attese con il leasing immobiliare abitativo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog