Cerca

umbria/perugia

Infortuni: Con 'You Safe' prevenzione si impara sui banchi di scuola

Infortuni: Con 'You Safe' prevenzione si impara sui banchi di scuola

Perugia, 30 mag. (Labitalia) - E’ giunto a conclusione il progetto 'You Safe-La sicurezza sul lavoro parla ai giovani', iniziativa realizzata dall’Associazione Piccole e medie imprese dell’Umbria in collaborazione con Cna e Confcommercio Umbria e con il contributo della Camera di commercio di Perugia, che ha inteso promuovere la cultura della salute e della sicurezza sul lavoro fra i più giovani.

Il progetto 'You safe' ha messo in campo una serie di iniziative atte a instillare nei giovani studenti umbri una cultura della prevenzione dei rischi già a partire da un'età precoce, con l'obiettivo di aiutarli ad evitare i pericoli per tutto il corso della loro vita lavorativa.

“Per fare questo è stato individuato nella scuole superiori -ha detto Mauro Orsini, presidente di Apmi Umbria- un luogo privilegiato di confronto con i più giovani in cui strutturare, articolare e approfondire la cultura e la pratica della sicurezza, affinché nelle nuove generazioni questo concetto venga radicato e diventi stile di vita, a vantaggio dei soggetti direttamente coinvolti, a partire dalle imprese che li ospiteranno in futuro per arrivare poi all’intera società civile”.

Il progetto ha visto realizzare in modo concreto ed efficace una serie di iniziative volte in un primo momento a mappare la percezione del rischio e dei pericoli fra i ragazzi dai 15 ai 20 anni e poi promuovere con azioni mirate, il concetto di sicurezza come modo di vivere nei diversi contesti di vita e soprattutto rendere gli allievi che sono stati coinvolti, immediatamente pronti all’ingresso nel mondo del lavoro, fornendo ai ragazzi un orientamento iniziale in materia di sicurezza così come individuato dalla normativa in vigore.

Sia la fase di mappatura che il percorso formativo, sono stati curati da esperti del settore della sicurezza, oltre che da figure professionali come psicologi del lavoro e dell’età evolutiva. Il tutto con il fine di rendere l’attività didattica legata a un argomento di per se poco attrattivo e spesso sottovalutato specialmente fra i ragazzi in età scolare, più fruibile e vicino al linguaggio dei giovani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog