Cerca

dati

Confimprenditori: Pil pro capite Italia sotto media Ue, dal 2007 -11,1%

Confimprenditori: Pil pro capite Italia sotto media Ue, dal 2007 -11,1%

Roma, 18 lug. (Labitalia) - L’Italia ha un Pil pro capite inferiore sia a quello dell’area euro che a quello delle media dei paesi dell’Unione europea. Con 25.500 euro a cittadino residente, infatti, il nostro Pil è superiore a quello della Spagna (23.100 euro) ma inferiore a quello di tutte le grandi economie: Regno Unito (30.900), Francia (31.500) e Germania (34.100). E’ quanto emerge dall'analisi del Centro studi ImpresaLavoro realizzato per la Confimprenditori.

Analizzando i dati concatenati con valore di riferimento il 2010, ci si accorge di come il dato risenta molto di quanto accaduto durante la grande crisi che ha colpito il continente europeo nel 2008 e della crisi finanziaria del 2011. Nel 2007, infatti, il nostro prodotto interno lordo pro-capite era di poco inferiore a quello dell’area euro e superiore a quello dell’Unione a 28.

Dal 2007 ad oggi, l’Italia ha perso l’11,1% del suo Pil pro-capite, passando dai 28.700 euro del periodo pre-crisi agli attuali 25.500. Peggio di noi fanno solo Cipro e Grecia, mentre tutte le altre grandi economie o perdono meno di noi (Spagna -5,7%) o addirittura sono già ritornate ai livelli prima della crisi. La Germania ha oggi un Pil pro capite superiore del 6,2% rispetto a quello del 2007, il Regno Unito dell’1,3% mentre la Francia ha oggi lo stesso Pil pro capite di allora.

Il miglioramento dell’economia nell’ultimo anno ha contribuito solo marginalmente al recupero della ricchezza persa dal 2007 ad oggi. In Italia il Pil pro capite cresce, infatti, dello 0,79% pari in valore assoluto a 200 euro sui 3.200 persi rispetto al 2007.

“Anche in questo caso il nostro paese fa registrare performance inferiori a quelle dell’area euro e della media degli altri paesi dell’Unione - spiega il presidente della Confimprenditori, Stefano Ruvolo - con tutte le grandi economie continentali come Germania, Spagna, Francia e Regno Unito, che fanno segnare tassi di crescita del Pil pro capite sensibilmente superiori ai nostri”. "Ragionare di dati nazionali nel nostro paese è sempre molto complesso. I numeri riferiti all’Italia scontano, infatti, le grandi differenze che esistono a livello regionale e tra macroaree”, sottolinea.

Dal 2007 al 2014, secondo i dati elaborati dal database Istat e con valori concatenati aventi come anno di riferimento il 2010, permangono differenze molto marcate tra le varie regioni. In Campania il Pil pro capite rispetto al 2007 è arretrato di 17,63 punti percentuali, facendo segnare il dato peggiore di tutto il paese. Una diminuzione della ricchezza prodotta che è tre volte quella fatta segnare in Valle d’Aosta (-4,89%) e in Trentino Alto Adige (-5,09%).

Va meno peggio della media nazionale anche la Lombardia, dove il Pil pro capite è calato in questi anni del 9,33%, un dato molto simile a quello della Sardegna (-9,61%), della Toscana (-9,66%) e dell’Abruzzo (-9,81%). Non sono solo le regioni del Sud ad andare male: il secondo peggior dato nazionale è, infatti, quello dell’Umbria che perde dal 2007 al 2014 il 17,42% della ricchezza prodotta pro capite. Male anche il Lazio (-15,75%), le Marche (-15,02%) e sorprendentemente tre regioni del Nord come il Piemonte (-15,02%), il Friuli Venezia Giulia (-14,98%) e la Liguria (-14,58%). Concludono la classifica Puglia (-11,02%), Basilicata (-11,49%), Emilia Romagna (-11,72%), Veneto (-12,24%), Molise (-13,77%), Sicilia (-13,88%) e Calabria (-14,46%).

Il confronto tra i valori assoluti del Pil pro capite regionale rende ancor meglio l’idea del vero e proprio solco che separa le economie più avanzate da quelle strutturalmente arretrate. Nell’ultimo anno reso disponibile dall’Istat il Pil della Calabria (15.256 euro) e della Campania (15.909) è meno della metà di quello di Valle d’Aosta (36.779), Trentino Alto Adige (34.856) e Lombardia (33.272).

Questo significa che già oggi la Lombardia ha valori di Pil pro capite in linea con quelli tedeschi e superiori a quelli di Francia, Regno Unito e della media di area euro e Unione europea. Per converso, Calabria e Campania finirebbero in coda alle classifiche europee con una ricchezza prodotto in linea con quella di Portogallo e Repubblica Ceca.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog