Cerca

dati

Cescat: nell'estate 2016 è record di presenze in città

Roma, 12 ago. (Labitalia) - In Italia, l'estate 2016 fa registrare il record di presenze in città dagli anni ’60, epoca in cui iniziarono le vacanze di massa e l’esodo si concentrava nel mese di agosto per la chiusura contemporanea delle grandi fabbriche. A rilevarlo è il Cescat-Centro studi casa ambiente e territorio di Assoedilizia.

"Nel corso dei decenni - spiega - si è assistito, e la tendenza continua, a una diluizione delle vacanze in altri mesi (il periodo interessato va da metà giugno a metà settembre), così come avviene, e in misura più accentuata, nei Paesi economicamente più avanzati. Quindi, distribuzione delle vacanze estive nel tempo, frazionamento con diversi periodi 'brevi' rispetto alle ferie 'lunghe', con il vantaggio di servizi migliori a costi più contenuti".

"Il mese di agosto resta comunque il periodo 'delle vacanze' per eccellenza, come confermano gli ingorghi sulle autostrade e gli assalti a stazioni ferroviarie e aeroporti", avverte.

"La notevole presenza nelle città di residenti e l’afflusso di turisti - osserva ancora - ha indotto le amministrazioni comunali a organizzare una serie di intrattenimenti che, assieme a numerosi esercizi pubblici aperti soprattutto in centro, rende quasi normale vivere in città anche a metà agosto. Ma sono ancora penalizzate le periferie".

A fare da battistrada sono state le grandi città, cui il Cescat ha aggiunto la conurbazione Verona-Vicenza-Padova, prevedendo quanti abitanti ci saranno durante i giorni di Ferragosto (dati cui vanno aggiunti i turisti, soprattutto stranieri, in costante aumento): Milano 680.000; Torino 525.000; Genova 375.000; Conurbazione Vr-Vi-Pd 310.000; Bologna 205.000; Firenze 215.000; Roma 1.750.000; Napoli 855.000; Bari 205.000; Palermo 590.000.

In tutte le città i valori sono in crescita, rispetto allo scorso anno, tranne che a Milano, per il venir meno dell'effetto Expo. Inoltre, a Genova, Roma, Napoli, Bari, Palermo (città marittime o prossime al mare), si registra un forte pendolarismo giornaliero: per cui, ad esempio, a una Roma deserta durante la giornata si contrappone una città più popolata alla sera. Il fenomeno si riscontra anche nelle altre città, ma in misura minore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog