Cerca

dati

Terremoto, Giardina (psicologi): "Pronti a sostegno popolazioni colpite"

Roma, 25 ago. (Labitalia) - Gli psicologi italiani "partecipano con dolore al dramma e ai lutti che migliaia di persone stanno vivendo nell’Italia centrale a causa del sisma" e sono pronti a scendere in campo con professionisti specializzati per dare sostegno alle popolazioni colpite. Lo annuncia il presidente del Cno degli Psicologi, Fulvio Giardina, spiegando come il consiglio nazionale "in piena sinergia con gli Ordini territoriali e in stretta collaborazione con i servizi dei Comuni interessati, si farà carico di promuovere e, eventualmente, gestire attività di supporto professionale in favore e a tutela di tutte le persone esposte a questa immane tragedia".

"Sono tragedie che purtroppo si ripetono in maniera imprevedibile, e con una certa frequenza, nel nostro paese, ricco del patrimonio storico-culturale più numeroso e più importante al mondo, ma con strutture edilizie fragili. Diamo atto che ormai l’organizzazione dei soccorsi nella prima emergenza è efficientissima e funzionale ai bisogni immediati delle comunità colpite", prosegue Giardina.

"Il personale del Ssn, della Protezione civile, dei Vigili del fuoco, delle Forze Armate, delle associazioni di volontariato è impegnato sul campo con abnegazione e spirito di sacrificio", afferma Giardina.

Tutti gli ordini territoriali degli psicologi, ricorda il presidente del Consiglio nazionale "hanno già predisposto piani di intervento, che necessariamente devono essere inseriti all’interno delle rete della protezione civile nazionale". "È apprezzabile la gara di solidarietà che si è diffusa in tutto il paese. Tantissimi psicologi hanno dato piena disponibilità ad essere impiegati nelle zone colpite, ma - ripeto - la macchina dei soccorsi, proprio per garantire da un lato la messa in sicurezza dei luoghi e dall’altro l’immediato sostegno alle persone, non prevede assolutamente la presenza di altri operatori", spiega Giardina.

"Del resto, gli psicologi sanno bene che il loro intervento professionale sarà ancor più necessario proprio quando la fase emergenziale terminerà, quando l’attenzione dei media si abbasserà, quando si dovrà ritornare ad una necessaria quotidianità", afferma Giardina.

"Soprattutto le persone più deboli (bambini, disabili, anziani) sono maggiormente esposte a sofferenze che si potranno manifestare a distanza di mesi e, per questo motivo, devono essere sostenute e accompagnate nel corso degli anni", conclude.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog