Cerca

dati

Banco alimentare Piemonte a Terra Madre, focus sulla legge anti-spreco

Banco alimentare Piemonte a Terra Madre, focus sulla legge anti-spreco

Torino, 20 set. (Labitalia) - Il Banco alimentare del Piemonte, grazie all’accordo di collaborazione con Slow Food, sarà presente nello stand H068 Zona Lombardia / Foodscovery a 'Terra Madre 2016', il Salone del gusto, che festeggia il suo ventesimo compleanno, a Torino, dal 22 al 26 settembre. E 'Combattere lo spreco alimentare. Un’opportunità o un obbligo?' è il tema della conferenza che il Banco alimentare del Piemonte ha organizzato per sabato 24 settembre, alle 17 (presso Fiorfood Coop, il primo concept store della Coop, in Galleria San Federico 26).

Come spiega a Labitalia Salvatore Collarino, presidente del Banco Alimentare del Piemonte, “abbiamo visto con grande favore l’approvazione definitiva della legge Gadda contro lo spreco alimentare, che renderà certamente più agevole, forte e profittevole la nostra attività: non solo rende più chiaro il quadro normativo complessivo, con misure di semplificazione e di incentivazione alla donazione, ma soprattutto stabilisce la priorità del recupero di cibo da donare alle persone più povere".

"Certamente, un ottimo esempio di applicazione del principio di sussidiarietà, non solo per il grande lavoro di condivisione dei vari soggetti coinvolti nel recupero e ridistribuzione delle eccedenze alimentari, ma anche e soprattutto - sottolinea - per aver saputo valorizzare esperienze e buone prassi della società civile, mese a punto grazie al volontariato".

"Il dibattito - annuncia - vuole porre l'accento sul criterio di fondo che contraddistingue la legge italiana: il principio del dono e della sua incentivazione. Dall'altro lato, in Francia la legge (di cui molto si è parlato anche enfatizzandola eccessivamente) si basa sul principio dell'obbligo con la conseguenza che la responsabilità andrà a gravare sulle organizzazioni non profit che dovranno affrontare grandi difficoltà logistiche con la necessità di investimenti importanti per far fronte a quanto 'obbligatoriamente' gli verrà consegnato".

Al dibattito parteciperà, tra gli altri, la deputata Maria Chiara Gadda, prima firmataria della legge sugli sprechi alimentari e farmaceutici approvata in Parlamento il 2 agosto. "Una legge - dichiara Gadda - che permetterà di ridurre gli attuali sprechi: oltre 5 milioni di tonnellate l’anno, di cui il 47% tra le mura domestiche. Una legge che guarda al bene di tutti, perché riduce la produzione di rifiuti, l’emissione di anidride carbonica, l’impiego di risorse naturali, il consumo del suolo. Ma, soprattutto, fa sì che prodotti buoni, ancora consumabili, siano destinati ai cittadini più fragili”.

In coerenza con la sua mission, il Banco Alimentare effettuerà quotidianamente il ritiro delle eccedenze alimentari avvalendosi di una squadra di oltre 30 volontari e di un mezzo refrigerato, per poi ridistribuirle a chi ha bisogno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog