Cerca

dati

Qui Foundation: rinnovare appello contro sprechi alimentari

Qui Foundation: rinnovare appello contro sprechi alimentari

Roma, 13 ott. (Labitalia) - La 'Giornata mondiale dell’Alimentazione', che si celebra il prossimo 16 ottobre, è l’occasione per QUI Foundation di rilanciare un rinnovato appello contro gli sprechi alimentari.

La Onlus, attiva dal 2008 con il progetto 'Pasto Buono' dedicato al recupero e alla donazione di eccedenze alimentari, ha già distribuito 800mila pasti, contando sull’appoggio di decine di esercenti, associazioni e aziende su tutto il territorio italiano che la supportano nella raccolta e nella distribuzione dell’invenduto a chi ha più bisogno.

"Oggi una metà del mondo potrebbe essere nutrita da ciò che l’altra metà non utilizza a pieno. Ma, con impegno e collaborazione possiamo invertire la rotta. Nella Giornata mondiale dell’Alimentazione vogliamo ringraziare tutti i nostri partner, da Tirrenia e Moby al Gruppo Cremonini fino ai numerosi locali disseminati sul territorio italiano che hanno deciso di donare il cibo invenduto per aiutare chi è in difficoltà, aderendo al nostro progetto Pasto Buono", dichiara Gregorio Fogliani, presidente di QUI Foundation.

"E ringraziamo -continua Fogliani- tutte le associazioni che ci aiutano quotidianamente nel mantenere viva la rete solidale di Pasto Buono nelle diverse città; coloro che coordinano i ritiri e la consegna del cibo alle persone in stato temporaneo di povertà o a chi si trova in gravi condizioni di disagio (in aumento, secondo gli ultimi dati Istat, del 140% negli ultimi dieci anni). Tra queste, un particolare ringraziamento va a Croce Rossa Italiana, Caritas, CSV Napoli, City Angels e la Comunità di Sant’Egidio. Grazie a loro abbiamo raccolto 800mila pasti dall’inizio dell’attività. E il numero sta crescendo sensibilmente -sottolinea- da quando è entrata in vigore la legge italiana contro gli sprechi alimentari".

Oggi, in Italia, il 41% degli uomini, il 25,7% delle donne e il 22,1% dei bimbi tra gli 8 e i 9 anni è in sovrappeso. Una persona, in media, spreca 76 kg di cibo all’anno. A fronte di questo, ci sono però ancora milioni di persone nel mondo che vivono in uno stato di povertà alimentare.

La denutrizione colpisce soprattutto i bambini: il 28,1% dei minori al di sotto dei cinque anni soffre di arresto della crescita e l'8,4% di deperimento. Il tasso di mortalità, nel 2015, raggiungeva il 4,7%, in diminuzione rispetto all'8,2% del 2000. Questa la fotografia fornita nel rapporto 'Indice Globale della fame 2016' dal Cesvi, organizzazione umanitaria laica e indipendente.

"Questo è indubbiamente un segnale di una cattiva educazione ai consumi -spiega QUI Foundation- e un difettoso funzionamento nell’equa distribuzione del cibo. Per questo possiamo e dobbiamo continuare ad impegnarci in un progetto che non è solo solidale, ma ricco di innumerevoli risvolti sociali, economici e ambientali".

QUI Foundation coglie quindi l’occasione per invitare chiunque desideri aderire alla rete solidale di Pasto Buono a contattare la onlus (info@quifoundation.it). Perché donare è la cosa buona da fare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog