Cerca

lazio

Banca Popolare Lazio: 2016 positivo. Domenica assemblea soci

Banca Popolare Lazio: 2016 positivo. Domenica assemblea soci

Velletri, 22 nov. (Labitalia) - Un andamento positivo quello del 2016 per la Banca Popolare del Lazio, certificato da Banca d’Italia che ha applicato al Gruppo di istituti di credito definiti LSI (Less Significant Institutions) alcuni dei parametri degli stress test istituiti per il settore dalla Banca Centrale Europea.

"Nel raggruppamento LSI, composto da oltre 460 istituti in tutta Italia, la Banca Popolare del Lazio -fa sapere una nota dell'Istituto fondato a Velletri (Roma) nel 1904 - si piazza in ottima posizione grazie a indici ben oltre la media: Cor Tier 1 del 18,6%, contro il 15,5% di media del Gruppo LSI, e un tasso di copertura delle “sofferenze” del 61,5%, rispetto ad una valore medio delle LSI analizzate del 57,6%".

Anche da un punto di vista economico l’andamento della Banca conferma un risultato positivo. "Le ultime previsioni formulate sui dati aggiornati evidenziano un’attesa di utili per la fine dell’anno in linea con i risultati degli anni precedenti ed in netto miglioramento rispetto alle risultanze del primo semestre del 2016", spiega la Popolare del Lazio.

L' istituto divenuto ormai uno dei più importanti sul territorio laziale, è alle soglie di un importante appuntamento: l’assemblea dei Soci, prevista per domenica 27 novembre, nella quale fare il punto sulla crescita degli ultimi anni e sulle strategie di sviluppo.

“Lo stress test, che altro non è se non una simulazione di una grande crisi finanziaria, ha appurato come la nostra banca subirebbe impatti quasi insignificanti – ha detto il direttore Generale della Banca Popolare del Lazio, Massimo Lucidi -, confermando la qualità di questi ultimi venti anni di gestione. Risultati che i nostri soci conoscono bene, così come sono a conoscenza della politica prudenziale e di attenzione che la Banca ha riservato all’accantonamento delle risorse per la copertura dei crediti ‘a rischio’. Un lavoro impegnativo e difficile, soprattutto valutando due importanti ulteriori fattori: aver garantito sempre e negli anni la corresponsione di un utile ai soci senza depauperare il patrimonio e riuscire a realizzare risultati positivi anche in controtendenza, in momenti di mercato, come quelli di questi ultimi anni, - ha concluso Lucidi - in cui le difficoltà gestionali sono state importanti”.

“La Banca Popolare del Lazio ha saputo interpretare bene i segnali che il mercato ha trasmesso, spesso anticipandoli, - ha commentato il Presidente, Renato Mastrostefano - attuando una politica di governo aziendale sana ed equilibrata, riuscendo a remunerare sempre la propria base sociale e facendo contestualmente crescere sia quantitativamente che qualitativamente le proprie risorse ed il personale dipendente. Ma il principale risultato è stato mantenere ben solido il capitale che i Soci hanno investito, senza mai avere avuto fino ad oggi necessità di richiedere interventi di qualsiasi natura. Un capitale sociale sempre in crescita, grazie alla continua richiesta di nuove adesioni, espressione del riconoscimento agli organi amministrativi e gestionali della Banca”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog