Cerca

dati

Linkedin, Italia terza in Ue per crescita lavoro nel settore tecnologico

Linkedin, Italia terza in Ue per crescita lavoro nel settore tecnologico

Milano, 28 nov.–(Labitalia) - L’Italia risulta essere il terzo paese in Europa per numero di professionisti operanti all’interno del comparto tecnologico. Un settore che, negli ultimi 12 mesi, nel nostro paese ha evidenziato una crescita di talenti pari all’1,45% diventando così anche il settore con il maggiore sviluppo della penisola, in termini di forza lavoro. E' il dato che emerge da Talent Buzz, lo studio Linkedin che evidenzia l’evoluzione del mercato del lavoro a livello globale attraverso l’analisi degli aggiornamenti delle informazioni inserite dagli utenti presenti sulla piattaforma.

Un risultato che, in questa speciale classifica, ci pone a sorpresa davanti a paesi come la Spagna e l’Olanda, mentre al primo posto troviamo l’Inghilterra e in seconda posizione la Francia, due nazioni nelle quali il mercato del lavoro, oggi, riscontra sicuramente una maggiore mobilità e dove, quindi, sembrano crearsi maggiori opportunità professionali, a differenza di quanto invece sembra accadere in questo momento in Italia.

Valutando questi cambiamenti sulla base delle modifiche apportate dagli utenti, tra ottobre 2015 e ottobre 2016, all’interno dei loro profili, LinkedIn ha potuto scoprire inoltre che l’Inghilterra nell’ultimo anno è stata la destinazione preferita per chi decide di lasciare l’Italia per cercare nuove opportunità oltre confine e, allo stesso tempo, è stata anche la nazione da cui è arrivata la maggior parte dei professionisti stranieri che sono venuti a lavorare nel Belpaese.

Un dato, questo, che, se da una parte potrebbe subire decisivi cambiamenti o addirittura stravolgimenti nei prossimi anni a causa della Brexit, arrivando anche ad avere conseguenze importanti sull’economia e il mercato del lavoro italiano, dall’altra, forse, sottolinea Linkedin, potrebbe permettere al nostro paese di trarre vantaggio proprio dalla decisione referendaria presa pochi mesi fa dal popolo britannico, cogliendo in questo modo l’occasione di trattenere più facilmente i talenti sul territorio nazionale e magari anche decidendo di investire maggiormente sulle nuove generazioni di professionisti, pronti a entrare nel mondo del lavoro.

Mentre la Tecnologia (+1.45%), il comparto sanitario e farmaceutico (+1%) e quello del manifatturiero (+0.9%) sono tra i segmenti che hanno registrato il più alto tasso d’incremento di talenti, dall’altra parte le aree nelle quali si è perso il maggior numero di professionisti durante quest’anno sono state quelle dell’apparato governativo, dell’educazione e del non-profit.

inoltre, nell’ultimo anno in Italia, all’interno del settore tecnologico, si è riscontrato un aumento di talenti nel campo del product management (+6.7%), seguito poi da una crescita del numero di imprenditori di settore (+6.3%) e degli esperti di Maketing (+4.7%).

Tra i talenti che, invece, si sono persi all’interno del mondo tecnologico italiano, oggi, rispetto a un anno fa, ci sono meno professionisti nel campo Media&Comunicazione (-3.1%) e in quello dell’Art&Design (-4%).

Infine, in Italia, possiamo riscontrare un’importante crescita delle società cosiddette "my self only" (+5.3%), soprattutto nel settore tecnologico (+7.9%). Mentre le aziende di medie dimensioni, da 11 a 50 dipendenti, pare siano rimaste stabili senza evidenziare nessun tipo di cambiamento nè in termini positivi, né in termini negativi, suggerendo, così, una sostanziale staticità del mercato che non è ancora riuscito a trovare la giusta chiave di volta per dare inizio a una vera e propria ripresa economica del settore.

"Le nuove professioni legate al mondo della tecnologia si stanno sviluppando in tutti i settori -ha commentato Marcello Albergoni, Head of Italy di LinkedIn- e il comparto dell’istruzione e della formazione professionale italiana, per seguire questo trend e permettere alla propria offerta di evolversi, deve adattarsi velocemente alle reali esigenze delle nuove generazioni e dei tempi che cambiano, tenendo sempre in considerazione gli sviluppo di uno scenario incerto che, sicuramente, potrebbe essere ulteriormente condizionato dalle conseguenze che si avranno dopo l’effettiva entrata in vigore della Brexit. Proprio per questo con i dati LinkedIn noi proviamo a portare all’attenzione del pubblico una panoramica delle dinamiche di domanda e offerta che possiamo osservare grazie alla nostra posizione privilegiata come social network professionale più grande del mondo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog