Cerca

Di Mentana ce n'è uno, se i giornalisti pensano di ignorare i webeti cambino mestiere

1
Enrico Mentana

Enrico Mentana

Sarebbe bello (e comodo) dare ragione a Enrico Mentana e crogiolarci su quanto sia calzante il neologismo webete (usato prima di lui nel 2013 qui) per definire i commentatori che ci stanno antipatici. Peccato però che quei webeti sono gli stessi che guardano il suo tg, forse qualcuno legge anche i giornali, sono gli stessi che al bar parlano in libertà passando da Higuain a Erdogan, regalando sentenze un tanto al chilo. Mentana sarà anche nella posizione di bollarli nel modo che crede più divertente, lui però non smette di rispondere, spiega, si incazza, torna a rispiegare a tanti commenti della sua pagina Facebook. Tutti i colleghi che provano a scimmiottarlo invece farebbero meglio a ricordarsi che il proprio pubblico è fatto anche da quei soggetti là. Quelli che lavorano sul web se ne accorgono subito, anche se non scrivono per liberoquotidiano.it. Qualcuno di tv, radio e giornali pensa di parlare a dotti filosofi dell'antica Grecia. Salvo poi ritrovarsi il feed di Facebook pieno di quei webeti, amici suoi. Chi smette di parlare anche a loro ha perso l'occasione per fare il proprio lavoro.

Giovanni Ruggiero
@juan_r

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tutorgraph62@gmail.com

    tutorgraph62

    30 Agosto 2016 - 09:09

    Caro Mentana.....stai sereno perchè presto, sul pennone, tornerà a sventolare il nostro "TRICOLORE" e la bandiera a tinta unita sarà definitivamente abbattuta!!! Ficcatevi nel cervello che l'ITALIA APPARTIENE AGLI ITALIANI!!!!!!

    Report

    Rispondi

media