Cerca

Le televisioni del Cavaliere

In 10 anni il valore di Mediaset
crollato da 10 a 2 miliardi di euro

Dopo i dati del primo trimestre, il titolo perde l'11% in Borsa, toccando i minimi storici

Sui conti del gruppo di Cologno Monzese pesano le difficoltà della raccolta pubblicitaria, calata del 10%. E pensare che c'era chi diceva che berlusconi fosse sceso in politica per rendere più ricche le sue società
11
In 10 anni il valore di Mediaset
crollato da 10 a 2 miliardi di euro
Sui conti del gruppo di Cologno Monzese pesano le difficoltà della raccolta pubblicitaria, calata del 10%. E pensare che c'era chi diceva che berlusconi fosse sceso in politica per rendere più ricche le sue società

Tutto si può dire, tranne che la discesa in campo del Cavaliere abbia fatto bene a Mediaset. Dal maggio 2002 il valore del maggior gruppo televisivo italiano si è ridotto di un quinto: da poco meno di dieci miliardi di euro (9,975) ai meno di due miliardi attuali, dopo il tonfo del titolo oggi in borsa. Dopo la trimestrale resa nota ieri a mercati chiusi ,che ha registrato un calo dell'utile dell'85%, il titolo è stato prima sospeso e poi, dopo il ritorno agli scambi, ha perso l'11%. Il titolo tocca così nuovi minimi storici mentre nei primi tre mesi dell'anno l'utile netto è sceso a 10,3 milioni di euro e la raccolta pubblicitaria è calata sia in Italia che in Spagna.

La raccolta pubblicitaria lorda complessiva, comprensiva anche dei canali digitali  pay e dei contenuti video distribuiti sul portale web Mediaset.it, raggiunge i 622,7 milioni di euro contro i 693,3 milioni di euro del primo trimestre 2011 (-10,2%). I ricavi Mediaset Premium sono pari a 131,1 milioni, contro 135. Ieri il cda, riunitosi sotto la presidenza di Fedele Confalonieri, ha approvato il  resoconto intermedio di gestione: i ricavi netti consolidati ammontano a 977,8 milioni di euro rispetto ai 1.112,1 milioni del primo   trimestre 2011. Il gruppo ha spiegato che se il mercato non migliorerà, l'esercizio 2012 chiuderà con un utile netto consolidato inferiore a quello registrato nel 2011.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • biri

    10 Maggio 2012 - 10:10

    Se si pensa che prima della "discesa in campo" (o in cortile) Fininvest non era altro che un debito (e neanche piccolo: più di 6000 miliardi di lire), praticamente sull'orlo della bancarotta, si ammetterà che le società dell'omino non debbono aver sofferto molto a causa della "discesa". Anzi. Non lo dico io, l'ha detto Dell'Utri. E bisognerà credergli, perché se non lo sa lui...

    Report

    Rispondi

  • gispo

    10 Maggio 2012 - 08:08

    calcolate che almeno la metà di d antiberlusconiani non guardano più mediaset, calcolate i vari flop di quest'anno, calcolate che sono decenni che ci propongono sempre gli stessi programmi senza neanche rinnovarli, calcolate tutti i programmi che si copiazzano mediaset da rai e rai da mediaset,calcolate che io come tanti altri per non guardare la pubblicità cambio canale e succede che mi interessa e non torno più su mediaset. Mettete insieme tutto questo ed ecco spiegato il calo di mediaset.

    Report

    Rispondi

  • umberto2312

    10 Maggio 2012 - 08:08

    Se il valore di Mediaset si è ridotto da dieci a due miliardi di Euro,non è diminuito di un quinto-ossia ad otto miliardi- ma ad un quinto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media